Le terribili immagini dell’inquinamento degli anelli di plastica delle lattine di birra (e come risolverlo)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tartarughe, pesci, foche, uccelli marini, ma anche gatti e persino un opossum. Sono le vittime degli anelli di plastica che servono a contenere le lattine di birra. Finiti in mare o persi sulla terra, spesso hanno trovato sul loro cammino animali ignari, rimasti soffocati o incastrati, addirittura uccisi.

Gli anelli di plastica vengono usati per tenere insieme confezioni multiple di bevande in lattina, in particolare birre. Un sistema di imballaggio standard in uso da oltre 50 anni. Un vero e proprio flagello ambientale, di cui si parla troppo poco, che ha contribuito all’inquinamento plastico degli oceani e ha messo in pericolo la vita marina e terrestre.

Ancora oggi, infatti, gli animali continuano a fare i conti con gli anelli. Nel migliore dei casi riescono a liberarsi da soli, ma più spesso restano impigliati o peggio soffocati. Anche se pesci e tartarughe sono sicuramente quelli più noti e spesso fotografati, numerose altre creature hanno subito e subiscono le conseguenze dell’utilizzo degli anelli.

Tra questi, come dimostrano le immagini, uccelli, opossum, anatre e gatti.

Le immagini che seguono mostrano cosa provocano questi rifiuti agli animali

anelli birra opossumFoto

anelli birra papera

Foto

anello birra gabbiano

Foto

anelli foche

Foto

anelli gatto

Foto

anelli uccelli

Foto

anelli anatra

Foto

Che fare? Le alternative green

Le alternative ci sarebbero. Una è già stata adottata dalla Saltwater Brewery, un’azienda di birra artigianale a Delray Beach che ha reso commestibili gli anelli di plastica. In questo modo, anche se dovessero finire in mare o sulla spiaggia, tartarughe, pesci e uccelli invece di rimanere feriti, potrebbero mangiarli sfamarsi.

Anche Carlsberg di recente ha annunciato un cambio di rotta, ancora più drastico e significativo, per ridurre la presenza di questi rifiuti, così pericolosi per gli animali. Le lattine in confezioni da 4, 6 o 8 potranno essere tenute insieme da poche gocce di una speciale colla, progettata per resistere a elevate temperature, al trasporto e alla refrigerazione. Le lattine scattano automaticamente quando vengono separate e la colla può essere riciclata insieme all’alluminio. Questa soluzione raggiungerà gli scaffali dei supermercati il 10 settembre in alcune filiali Tesco nel Regno Unito e poi in Norvegia.

carlsberg

Speriamo che l’esempio di Carlsberg venga seguito anche da altri marchi e che questi pericolosi rifiuti possano essere sostituiti con soluzioni più amiche dell’ambiente e dei suoi abitanti.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto cover

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook