In questa città dell’Indonesia il biglietto del bus si paga con bottiglie e bicchieri di plastica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il biglietto dell’autobus? Lo pago con bottiglie di plastica usate. Succede a Surabaya, la città indonesiana che ha dichiarato guerra ai rifiuti in modo del tutto originale e utile: un biglietto valido per due ore costa 5 bottiglie o 10 bicchieri di plastica.

L’obiettivo è dire addio alla plastica entro il 2020 e quindi ogni iniziativa viene salutata positivamente. Come sappiamo, i rifiuti hanno ormai invaso gli oceani e sono tra le prime cause di morte di pesci e uccelli, senza considerare che contribuiscono in maniera notevole alla distruzione della biodiversità.

In Indonesia si sta facendo qualcosa per sensibilizzare i cittadini al riciclo, visto che il paese è uno dei maggiori produttori di plastica. Qui il 15% dei rifiuti è appunto plastica, quasi 400 tonnellate.

“I rifiuti si accumulano nel mio quartiere per questo ho portato qui queste bottiglie di plastica, non solo per fare in modo che l’ambiente sia più pulito, ma anche per facilitare il lavoro dei netturbini”, dice Linda Rahmawati, una residente.

indonesia bus3

Foto

Ecco perché si è pensato di unire il riciclo al servizio di trasporto pubblico. Un autobus riesce a raccogliere fino a 250 chilogrammi di bottiglie di plastica al giorno, pari a circa 7,5 tonnellate al mese. Rifiuti che poi vengono venduti all’asta ad aziende di riciclaggio e i proventi sono reinvestiti nella gestione dei bus e nel verde pubblico.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Foto cover

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Quando il senza glutine incontra il biologico: nasce la linea Schär BIO

Quercetti

Questi giocattoli sono riciclabili e organici: stimolano la fantasia e insegnano a rispettare l’ambiente

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook