L’India metterà al bando buste, piatti, bicchieri, bottigliette e cannucce di plastica per il compleanno di Gandhi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una svolta importante contro l’uso di plastica monouso arriva anche dall‘India dove, in occasione del compleanno di Gandhi, il paese metterà al bando 6 diversi prodotti realizzati in plastica monouso.

In India è ancora molto sentito il compleanno di Gandhi, leader del movimento per la libertà e l’indipendenza di questo paese, nato il 2 ottobre 1869. Proprio nella prossima e ormai vicina ricorrenza, i funzionari hanno deciso di lanciare una nuova legge a livello nazionale che vieterà l’uso di sacchetti di plastica, bicchieri, piatti, cannucce, bottiglie e alcuni tipi bustine (come quelle per le salse), realizzati con questo materiale fortemente inquinante.

Il divieto riguarderà non solo l’utilizzo all’interno del paese ma anche la possibilità di produrre e  importare tali prodotti in plastica. Questo servirà ad eliminare le materie plastiche monouso da città e villaggi indiani, luoghi tra i più inquinati al mondo.

La situazione dell’inquinamento da plastica in India è particolarmente pesante in quanto questo paese è privo di un sistema organizzato per la gestione di tali rifiuti che porta, come diretta conseguenza, quella di avere plastica abbandonata praticamente in tutte le città e i villaggi.

india-bando-6-plastiche

Il primo ministro indiano, Narendra Modi, sta lavorando sull’impegno preso di eliminare le materie plastiche entro il 2022 e questo divieto sarà il primo grande passo per liberare il paese dalla plastica monouso (alcuni stati indiani hanno in realtà già bandito quantomeno le borse in politene).

E’ stato stimato che il nuovo provvedimento consentirà di ridurre il consumo annuale di plastica dell’India di una percentuale che va dal 5 al 10% su un totale di circa 14 milioni di tonnellate di plastica che questo paese consuma annualmente.

Le sanzioni per chi non si attiene al divieto probabilmente avranno effetto dopo un periodo iniziale di sei mesi in modo tale da consentire a tutti di trovare e adottare alternative.

Il governo chiederà poi alle aziende di e-commerce di ridurre gli imballaggi in plastica, agire in questo settore è di fondamentale importanza dato che rappresenta quasi il 40% sul totale annuo di plastica utilizzato nel paese. Si punterà sull’uso di materiali alternativi o, quantomeno, su tipologie di plastica riciclabile.

Leggi anche:

Francesca Biagioli
Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook