I piatti compostabili realizzati con le foglie che stanno facendo emancipare le donne di un villaggio indiano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Vistaraku è l’azienda green di Madhavi e Venu Vippulancha che produce piatti fatti con le foglie, insieme alle donne del villaggio indiano di Thimmareddypalli.

Per fortuna nel mondo ci sono sempre più alleati nella lotta alla plastica! Ogni volta che Madhavi e Venu vedevano la grande quantità di stoviglie monouso e rifiuti non biodegradabili gettati per strada finendo poi per diventare cibo per le mucche, gli si spezzava il cuore, così decisero di creare Vistaraku, un’azienda che produce piatti sostenibili con le foglie dell’albero di palash.

©Vistaraku

Ma non solo, decisero che a occuparsi della produzione fossero le donne del villaggio di Thimmareddypalli nel distretto di Siddipet a Telangana. Un vero sviluppo sociale e ambientale per tutta la comunità.

©Vistaraku

Per questa coppia, Vistaraku è la manifestazione del loro amore per la natura e per le loro radici. L’azienda è stata fondata nel 2019 e, sebbene all’inizio siano partiti solo con una produzione locale, ora vendono i loro prodotti nel resto del paese, a Hong Kong e negli Stati Uniti con la speranza di poter arrivare presto anche in Europa.

In India, servire cibo su piatti di foglia non è una novità, al contrario, è un’antica tradizione. Conosciute con diversi nomi come pattal, patravali, khali o vistaraku, queste stoviglie naturali sono presenti nei pasti tradizionali, nelle feste comunitarie e perfino i templi di tutto il paese le utilizzano durante le loro cerimonie.

©Vistaraku

Purtroppo però, con il passare del tempo, il loro uso è stato gradualmente sostituito da stoviglie di plastica dannose per l’ambiente. Attraverso la loro idea, Madhavi e Venu vogliono quindi far rivivere la tradizione di mangiare sulle foglie.

Per fabbricare i loro piatti usano le foglie di palash, un albero tipico di Telagana, che oltre ad aggiungere sapore ai cibi cotti, ha delle proprietà antisettiche e antibatteriche. Utilizzano in parte anche le foglie di siali, portate dalla regione Odisha, generando così lavoro per un gruppo di donne di una comunità tribale del posto.

“Per anni, la gente di Telangana ha servito cibo su foglie di palash come parte della loro tradizione. È un albero ayurvedico, ma molti, compresi i ryots (contadini locali), non conoscono le sue qualità antibatteriche “, afferma Venu.

Venu e Madhavi non solo volevano che questa iniziativa fosse rispettosa dell’ambiente, ma erano anche desiderosi ed entusiasti di assumere le donne del posto che avessero completato la scuola e che pur volendo lavorare, non riuscivano a trovarne uno. L’azienda è diventata quindi un punto di appoggio per contribuire allo sviluppo del villaggio.

©Vistaraku

“Queste ragazze, alcune delle quali stanno svolgendo gli studi universitari, lavorano qui durante il loro tempo libero”, afferma Madhavi.

Madhavi, ha un master in farmacia, è un’istruttrice di yoga e un’insegnante di scuola materna. Venu è un ingegnere meccanico, con ampia esperienza nell’ambito sociale. Questa coppia ha lasciato il loro lavoro per creare qualcosa di più grande, qualcosa che trasforma le foglie in emancipazione per le donne combattendo al tempo stesso nella lotta contro la plastica.

Ti potrebbe interessare anche:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Comunicatrice sociale specializzata in giornalismo ambientale e terzo settore, un master in Comunicazione Ambientale e uno in Innovazione Sociale. In greenMe ha trovato il suo habitat ideale.
Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook