Le gomme da masticare si trasformano in smartphone: in Argentina arriva la differenziata della ‘cicca’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Macchie nere su strade e marciapiedi. Sappiamo tutti che si tratta delle gomme da masticare, che invadono gli spazi pubblici. Un rifiuto piccolo ma sempre più “ingombrante” e difficile da smaltire. Almeno fino ad ora. In Argentina è nata infatti GumPoint, un’iniziativa volta a differenziare e riciclare i chewing-gum per utilizzarli poi come materia prima per la realizzazione di scarpe, tablet e smartphone.

GUMPoint è la prima iniziativa dell’America Latina volta al riciclo delle gomme, con l’obiettivo di trasformarle in una gamma di nuovi polimeri per la produzione di plastiche.

Non è il primo né l’ultimo caso, ma la novità è che la gomma da masticare avrà appositi cestini per la differenziata studiati ad hoc. Simili alle cassette della posta, i Bins – è questo il loro nome – potranno essere installate nelle città permettendo di raccogliere i chewing-gum.

Anche i Bins sono costruiti con materiale riciclato. È facile vederli grazie al loro colore rosa brillante che ricorda proprio le gomme da masticare. Così non passeranno di certo inosservati in mezzo al paesaggio urbano.

Una volta che il bidone è pieno, un servizio specializzato ne raccoglie il contenuto e le gomme subiranno un processo di riciclaggio unico per produrre una vasta gamma di nuovi prodotti.

Una chimera? Tutt’altro visto che GumPoint è un progetto imprenditoriale emerso in una scuola di specializzazione dell’Università di San Andrés e portato avanti da quattro studenti. Questi ultimi hanno lavorato tre mesi per trasformare il progetto in qualcosa di appetibile per gli imprenditori, superando i confini accademici e arrivando nel mondo reale.

“GUMPoint ha basato la sua idea originale in un vero e proprio processo di riciclaggio a circuito chiuso. I nostri cestelli, in posizione strategica, permettono di intercettare la gomma prima che raggiunga il suolo, impedendo di danneggiare l’immagine della città e di diventare fonti di contaminazionespiega il team.

La trasformazione della gomma per ottenere il prodotto finito comprende varie fasi: si va dalla raccolta allo stoccaggio, alla separazione dei rifiuti, pulizia e disinfezione, cernita e polverizzazione, essiccazione, estrusione e calandratura. Il risultato finale sono dei veri e propri pellet confezionati in sacchetti di plastica di 5 chili.

“Abbiamo trovato un nuovo materiale in grado di trasformarsi in un gran numero di elementi: oggetti di design, stivali di gomma e sandali, telefoni cellulari, imballaggi e altro”.

I primi prodotti realizzati con le gomme “riciclate” potranno essere immessi sul mercato nei primi mesi del 2016. Fino ad allora, l’obiettivo di GumPoint sarà il raggiungimento di accordi con i principali partner sia pubblici che privati.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

GOMME DA MASTICARE: IN 10 MINUTI POSSONO RIMUOVERE FINO A 100 MILIONI DI BATTERI

CHEWING-GUM ART: COME TRASFORMARE LE GOMME DA MASTICARE IN OPERE D’ARTE

5 MODI FAI-DA-TE PER RIMUOVERE MACCHIE E TRACCE DI GOMMA DA MASTICARE, COLLA E ADESIVO

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook