Plastica in cambio di biglietti del bus e ingressi al teatro: anche a Genova arrivano le macchinette mangia-bottiglie

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non solo biglietti del bus, ma anche per il teatro e sconti nei negozi convenzionati. Dopo Roma, anche a Genova arriveranno a febbraio le macchinette mangia-plastica, ma con un incentivo in più: coloro che conferiranno bottiglie di plastica avranno in cambio un vero e proprio bonus, come accade in molti Paesi dell’Europa Nord-Occidentale.

Grazie al Decreto Clima diventato legge il mese scorso, che prevede che Comuni ed esercizi commerciali della grande distribuzione possano ricevere un contributo per dotarsi di compattatori di bottiglie, le cosiddette “macchinette mangia-plastica” potranno non essere più soltanto un’eccezione, ma essere regolarmente diffuse in modo che la filiera della gestione della plastica sia la più corretta possibile.

Quanto alla città di Genova, la mozione che richiedeva l’installazione per fine febbraio di nove macchinette mangia-plastica, una in ogni Municipio, è stata appena approvata. Le macchine non regaleranno, in cambio delle bottigliette, solo biglietti dell’autobus o della metropolitana, ma daranno accesso a una gamma di incentivi che va dai servizi pubblici agli ingressi a teatro. Tutto tramite un sistema con tessera o un’app dedicata.

Nel processo sono coinvolte oltre ad Amiu, la partecipata che si occupa di gestione dei rifiuti, la società privata che commercializza i macchinari, le associazioni di consumatori, i civ ( Centri Integrati di Via), le aziende di trasporto e i teatri. Per ora gli incentivi proposti non sono stati definiti, ma sembrano confermati i teatri e le aziende di trasporto, mentre le convenzioni potrebbero allargarsi ancora.

Entro due o tre settimane definiremo i punti dove collocarle – spiega Matteo Campora, assessore all’Ambiente. Ci saranno un contenitore e un compattatore. Dobbiamo però ancora definire alcuni aspetti pratici, come i tempi per il ritiro della plastica. Saranno importanti le prime settimane perché ci spiegheranno quanto è apprezzato questo servizio per poterlo poi tarare in base alle esigenze di ogni municipio”.

Anche in questo caso, grazie alle macchinette acchiappa-plastica, le bottiglie raccolte verranno riutilizzate per la creazione di nuove e, anziché diventare rifiuti, vengono riemesse nel mercato.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook