eSource: come recuperare in modo sicuro i metalli dai rifiuti…pedalando!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Che fine fanno i nostri gadget elettronici a fine vita? La maggior parte dei nostri vecchi computer, telefoni e televisori finisce per incrementare le milioni di tonnellate di rifiuti che ogni anno vengono pericolosamente e illegalmente spedite e riciclate nei Paesi poveri. Come il Ghana e la Nigeria, dove non esistono impianti di riciclaggio e i fili elettrici vengono di prassi bruciati per recuperare il rame.

A effettuare la pericolosa operazione sono soprattutto bambini e adolescenti, con conseguenze terribili sul loro sistema respiratorio e su quello immunitario a causa dell’inalazione delle diossine liberate. Uno dei più grandi centri di RAEE importazioni è ad Accra, in Ghana, dove circa 40.000 persone sono impiegate in questo riciclaggio clandestino. È qui che è stato Hal Watts, designer e neolaureato dell’Imperial College di Londra, che ha messo a punto un modo più semplice e più sicuro per riciclare proprio i cavi in rame, una delle forme più comuni di e-waste.

ewaste4

Il suo innovativo dispositivo si chiama eSource e comprende due componenti: una bicicletta, che alimenta un trituratore in grado di polverizzare il rivestimento di plastica del rame in micro particelle, e una “selezionatrice”, che separa successivamente il rame dalla plastica. Vincitore dell’Helen Hamlyn Design Award 2012 e semifinalista del James Dyson Award 2012, eSource si ispira, in realtà, a un vecchio procedimento impiegato dai cercatori d’oro per dividere il minerale da polvere e ghiaia.

ewaste

ewaste2

Per costruire qualcosa che abbia dei costi accessibili, si deve spesso tornare indietro e guardare alle vecchie tecnologie“, dice il designer, che, con un finanziamento della Wates Family Enterprise Trust, tornerà in Ghana per testare il prodotto e iniziare a farlo produrre alle popolazioni locali. “Moltissime persone dipendono dall’operazione di combustione dei cavi elettrici, è il loro reddito primario, ma si tratta anche del più dannoso problema per la salute“, conclude Watts, che vuole fornire a chi è costretto a lavorare in discarica un modo più sicuro per recuperare i metalli, semplicemente pedalando.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

RAEE: le discariche rifiuti elettronici valgono più delle miniere d’oro

7 comunità che sopravvivono raccogliendo rifiuti nelle discariche

Produrre energia pedalando: 10 modi alternativi per usare la bicicletta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook