Emergenza Rifiuti: a Terzigno è guerriglia!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo le vicende dei giorni scorsi, la situazione di Terzigno, in provincia di Napoli, sembra peggiorare di ora in ora. Continua infatti – e va di male in peggio – l’emergenza dei rifiuti, problema ormai storico di tutta la Campania.

Nel comune di Terzigno – dove aumenta sempre di più la tensione tra i manifestanti e la polizia – si stanno verificando blocchi stradali, per impedire la costruzione di una nuova discarica e l’accesso agli auto compattatori, e scontri piuttosto accesi, che hanno già provocato cinque arresti e tre feriti tra i poliziotti. Secondo quanto riportato da alcuni manifestanti, ci sono anche diverse contusi, tra i quali anche una donna.

I cinque arrestati sono accusati di violenza e resistenza pluriaggravata a pubblico ufficiale. Uno degli indagati deve rispondere anche di detenzione e porto abusivo di esplosivi.

Secondo quanto riportato dall’AdnKronos i primi scontri sono avvenuti dopo le tre di oggi pomeriggio quando alcuni manifestanti hanno cosparso di olio alcune strade che portano alla discarica e innalzato barricate per impedire l’accesso ai camion per sversare i rifiuti. Incendiati anche due autocompattatori.

Questa è una guerriglia” – ha detto Santio Giuffré, questore di Napoli, mentre il sindaco Rosa Russo Iervolino ha affermato che bisogna fare di tutto per fermare le violenze: “le guerriglie però sono sempre cose tristissime. Bisogna fare, come credo stiano facendo il prefetto, Caldoro e Cesaro, tutto il possibile per evitarle“.

I rifiuti in questione andranno a finire in altre tre discariche della Campania, perché a Terzigno, lo sversamento dei rifiuti è fortemente ridotto e richiede tempi lenti: per i prossimi giorni si prevede infatti il deposito di appena 800 tonnellate di immondizia, contro le 1.800 tonnellate quotidiane.

Foto: TG Com

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook