Rifiuti elettronici: le 3 regole per smaltire correttamente i Raee

raee ecolight

Che farne di quel computer che non funziona più? Come fare a gettare via il vecchio frigo? E lo smartphone? I rifiuti elettronici, i cosiddetti Raee, vanno correttamente smaltiti seguendo determinate norme. A suggerirle è Ecolight, il consorzio nazionale che si occupa della gestione dei rifiuti elettronici e delle pile.

Bastano appena tre regole per non impazzire e smaltire correttamente questa categoria di rifiuti, che abbraccia numerosi oggetti, dal frullatore alla lavatrice, dal cellulare al ferro da stiro. Ecco cosa farne dei Raee:

Portali presso un’isola ecologica

In Italia sono 3.648, tutte attrezzate per la raccolta differenziata dei Raee. Occhio a non sbagliare. Una volta lì, va tenuto presente che il rifiuto elettronico dovrà essere messo nel cassone giusto: R1 per i frigoriferi; R2 per le lavatrici e i forni; R3 per i televisori e i monitor; R4 per i piccoli elettrodomestici e l’elettronica di consumo; R5 per le sorgenti luminose neon e a risparmio energetico.

Uno contro uno

Nel caso di acquisto di una nuova apparecchiatura in sostituzione di una equivalente non più funzionante, è possibile lasciare quella vecchia direttamente in negozio al momento dell’acquisto. A stabilirlo è stato il DM 65/2010, il cosiddetto Uno contro Uno. Gratuitamente si potrà lasciare il proprio elettrodomestico compilando una scheda di consegna. Il ritiro gratuito è previsto anche con la consegna al domicilio della nuova apparecchiatura elettronica.

Imprese e i liberi professionisti

Tali categorie possono affidarsi al servizio di raccolta di Ecolight contattando direttamente il consorzio. Il servizio Fai Spazio è dedicato alla gestione dei rifiuti professionali e viene svolto su tutto il territorio nazionale e per ogni tipo di quantitativo.

È bene non dimenticare che i RAEE sono rifiuti speciali il cui conferimento è regolamentato dalla legge. Inoltre, da un loro corretto trattamento è possibile ricavare importanti materie prime seconde – come plastica, vetro e metalli – che possono essere utilizzate nella creazione di nuovi prodotti”, ha detto Giancarlo Dezio, direttore generale di Ecolight.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

RAEE: arriva l’App per trovare il centro di smaltimento rifiuti elettronici più vicino

RAEE in Carcere: i rifiuti elettronici diventano opeRAEE

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

Salugea

Come depurare il fegato con gli estratti vegetali

Germinal Bio

Dire addio alla plastica si può: l’esempio da seguire di Germinal Bio

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

tuvali
seguici su Facebook