Cannucce con la pasta: gli ziti (e altre alternative) per dire stop alla plastica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ventimila cannucce in meno in due mesi, sostituite dal maccherone di zito. Questo il primo bilancio della campagna #ZeroCannucce lanciata dal Dum Dum Republic di Capaccio-Paestum che si inserisce nel progetto di Turismo Sostenibile #PlasticFree intrapreso dalla struttura balneare del Cilento a difesa degli oceani e a salvaguardia delle spiagge. Perché le alternative alla plastica ci sono e sono pure tante.

Apparentemente sembrano innocue e pure se facciamo un breve calcolo di quanto tempo le utilizziamo (all’incirca 20 minuti) e quanto invece ci vuole per smaltirle (500 anni), capiremo di poterne fare decisamente a meno, soprattutto perché le plastiche monouso non sono riciclabili.

Le cannucce di plastica sono il simbolo dell’usa e getta, in tutto il mondo se ne utilizzano più di un miliardo, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni. I dati sono quelli della Plastic Pollution Coalition che ci dice anche che in Europa le cannucce sono tra i primi 5 rifiuti raccolti sulle coste.

Essendo solitamente realizzate in materiali non riciclabili, la loro permanenza nelle discariche è destinata a perdurare per decenni. Rinunciare al loro impiego potrebbe costituire soltanto una minuscola goccia nel mare, ma non è detto che ciò non possa trasformarsi in una efficace maniera per imparare a fare a meno di altri accessori ed utensili monouso, quali bicchieri e piatti di plastica o rasoi, soltanto per citare alcuni esempi di oggetti d’impiego comune.

Le alternative green alla cannuccia di plastica

La campagna “#ZeroCannucce va proprio in questo senso e offre delle alternative altrettanto valide. Da tempo, in tutta Italia, sono state lanciate campagne per eliminare le cannucce di plastica da bar e stabilimenti balneari e sostituirle con quelle in metallo, vetro, bambù o plastica dura e ancora quelle biodegradabili e compostabili realizzate con materie di origine vegetale fino a quelle portatili.

zito cannuccia

Un’idea sicuramente originale è quella della struttura balneare Dum Dum Republic di Paestum che ha sostituito le cannucce con la pasta ziti che ben si presta a sostituire la classica cannuccia. Il percorso è cominciato alcuni anni fa, intensificandosi negli ultimi cinque anni e facendo sì che vincesse il “Premio FABBRICA DELLE IDEE 2018 – STORIE VINCENTI MADE IN CAMPANIA”.

Una bellissima idea, ma speriamo adesso si pensi ad un’alternativa anche per i celiaci!

Nel frattempo, ricordiamoci che ognuno di noi può fare la differenza per salvare il Pianeta dall’inquinamento, non giriamo la testa dall’altra parte davanti ai rifiuti che troviamo in spiaggia, ma raccogliamoli e differenziamoli, come ha fatto la nostra redattrice Germana Carillo che ha raccolto “una trentina delle oltre 50 stecchette di chupa chups (e un paio di cannucce) in 100 metri di spiaggia”.

cannucce spiaggia

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook