Dal 2021 Burger King sperimenterà gli imballaggi a rendere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mangiare al fast food crea una grande quantità di rifiuti. Parliamo degli imballaggi con cui sono confezionati e serviti ai clienti panini, bibite, patatine, ecc. Burger King ha da poco annunciato un progetto pilota per eliminare, almeno in parte, il problema. La nota catena di fast food ha intenzione di sperimentare l’utilizzo di imballaggi a rendere.

L’idea è questa: nei fast food i clienti potranno scegliere di richiedere il proprio cibo in imballaggi a rendere. Cosa significa? Le persone riceveranno panini, bibite o qualsiasi altra cosa ordineranno in confezioni che dovranno poi riportare. A fronte di questo verrà chiesto loro di pagare una commissione come deposito cauzionale al momento dell’acquisto. Ovviamente, una volta restituito il tutto, l’importo verrà rimborsato.

Come verranno trattati i contenitori usati? A questo ci penserà il Loop, ovvero il servizio di imballaggio circolare di TerraCycle, che sarà il responsabile della pulizia e sterilizzazione di ogni pacco e della restituzione per i nuovi utilizzi.

Burger King nel comunicato stampa in cui annuncia la sperimentazione assicura che:

“I sistemi di pulizia di Loop sono stati creati per disinfettare i contenitori e le tazze degli alimenti, il che significa che ognuno sarà igienicamente pulito e sicuro prima di ogni utilizzo”.

Burger King inizierà a sperimentare gli imballaggi a rendere nel 2021, esclusivamente in alcuni punti vendita di 3 città: Tokyo (Giappone), New York e Portland (USA). Se il progetto avrà successo, altre città saranno aggiunte ma il cliente potrà comunque scegliere se preferire o meno l’imballaggio a rendere.

L’adesione a questo programma, aiuterà Burger King a rispettare alcuni impegni che il marchio si è assunto, in primis l’obiettivo di riciclare tutti i suoi imballaggi entro il 2025 in Canada e negli Stati Uniti. Fino a questa data, la catena deve anche acquisire il 100% dei propri imballaggi da fonti riciclate, rinnovabili o certificate.

Fonte: Reuters / Business Wire

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook