Come bonificare le acque dai rifiuti pericolosi grazie al grafene

bacino romania

Trattamento di rifiuti pericolosi tramite il grafene. Le bonifiche ambientali, ora, potranno partire da questo innovativo materiale che sarà in grado di assorbire gli inquinanti organici (in particolare gli idrocarburi) dalle acque, dai terreni e dall’aria.

In particolare, la società italiana Directa Plus insieme con SetCar – una società rumena con esperienza nel campo della decontaminazione e smaltimento di rifiuti pericolosi – ha testato sul campo le applicazioni di un nuovo materiale a base di grafene (il Graphene Plus) nel settore ambientale, specialmente nel campo delle bonifiche ambientali.

Insomma, con il grafene si possono trattare le acque, i suoli e i reflui gassosi contaminati da sostanze organiche.

L’ESPERIMENTO – Partito il 14 ottobre scorso, il progetto di depurazione si è svolto nell’area dismessa di una raffineria rumena, in un bacino di circa 16.500 m3 di acqua contenente idrocarburi petroliferi in concentrazioni pari a 56 ppm (vale a dire circa 3 gocce di olio per ogni litro di acqua), per un totale di più di una tonnellata di idrocarburo da rimuovere dall’acqua prima di poterla riversare nel corso d’acqua adiacente. Infatti, la concentrazione massima di idrocarburo richiesta dalla legge per lo scarico nelle acque superficiali è di 5 ppm.

Il risultato è che, utilizzando il materiale a base si grafene sciolto, si sono abbattute le concentrazioni di idrocarburo al di sotto di 1 ppm in soli 10 minuti di trattamento.

Graphene Plus ha ottenuto nel 2013 la certificazione da parte del Ministero dell’Ambiente Italiano per l’impiego in mare nel caso di sversamento di idrocarburi. Graphene Plus è anche oggetto di un progetto di Directa Plus chiamato GEnIuS (Graphene Eco Innovative Sorbent), cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito dell’iniziativa Eco-Innovation.

Si allarga, quindi, il campo di utilizzo del grafene come autentico materiale del futuro: flessibile, resistente e ottimo conduttore, si presta non solo nel campo delle applicazioni elettroniche e tecnologiche, al di là del settore del fotovoltaico, ma d’ora in poi anche per le bonifiche ambientali. Se non è progresso questo!

Germana Carillo

LEGGI anche:

I vetri si autopuliscono al sole grazie al grafene

Grafene, il materiale ecosostenibile del futuro: ecco le sue possibili applicazioni “verdi”

Giornalista pubblicista, classe 1977, laureata con lode in Scienze Politiche, Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci anni.
Hello Fish!

Preservare i nostri mari un passo alla volta, a partire dalla stagionalità del pesce

Coop

Mini-muffin al cioccolato serviti e cotti nella buccia di clementine

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Seguici su Instagram
seguici su Facebook