A Fiumicino il provocatorio albero di Natale realizzato con rifiuti trovati sulla spiaggia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Al posto delle comuni palline ci sono lattine, infradito, bottiglie di plastica e altri numerosi rifiuti ritrovati in spiaggia. Un albero di Natale molto particolare quello che è stato allestito in questi giorni a Fiumicino, a due passi da Roma e che ha come obiettivo un messaggio ambientalista.

L’albero di plastica è stato realizzato e pensato da Toni Quaranta, delegato del sindaco alle Politiche di balneazione che sul proprio profilo Facebook scrive:

“Più che un albero di Natale lo interpreterei come un sacrificio di plastica al mare. Torniamo alle origini con la speranza che il mare apprezzi il gesto e ci aiuti a trascorrere un inverno meno burrascoso”.

Il tutto è nato per caso, Quaranta con alcuni amici ha raccolto i rifiuti trovati in spiaggia dopo l’ultima mareggiata e ha pensato di trasformarli in decorazioni di un albero di Natale che adesso si trova proprio sul litorale.

“Mi piacerebbe che ci fosse un albero del genere in ogni punto del litorale, per dare soprattutto un messaggio ed un segnale ai bambini, che sono il nostro futuro, e per rendere più pulito il litorale”, dice ancora Quaranta.

Dietro la fantasia e la creatività, si nasconde però una problematica allarmante, quella dell’inquinamento marino causato soprattutto dall’uomo che distrugge l’ecosistema e la biodiversità, creando danni a piante e animali. Non è la prima volta che ne parliamo, secondo un recente studio se si continua a questo ritmo, entro il 2050 gli oceani accoglieranno più plastica che pesci proprio perché oltre l’inquinamento diretto, il il 32% degli oggetti di plastica a livello globale sfugge ai sistemi di raccolta e viene abbandonato in natura.

Un mare di spazzatura, perché gli oceani contengono già adesso oltre 165 milioni di tonnellate di plastica, per cui, se entro il 2025 non verranno attuate strategie efficaci contro l’inquinamento marino, gli oceani conterranno 1,1 tonnellate di plastica ogni 3 tonnellate di pesce fino ad arrivare al sorpasso della plastica sui pesci.

“Non nascondo – chiosa Quaranta che sono preoccupato per il futuro e per le nuove generazioni”.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook