Francia: adottare un pollo per ridurre gli avanzi vegetali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Allevare un pollo come se si trattasse di un animale domestico ed allo stesso tempo avere il vantaggio di ridurre, grazie alla sua presenza, gli avanzi vegetali delle famiglie. L’idea è giunta da parte del sindaco del comune di Barsac, nella Francia del Sud, e si è trasformata in una iniziativa concreta: ogni famiglia avrà, infatti la possibilità di accettare in adozione una coppia di polli.

Un pollo è infatti in grado di consumare 150 chilogrammi di avanzi all’anno, secondo l’analisi effettuata da parte del sindaco di Barsac, Philippe Meynard. Il sindaco francese ha deciso di coinvolgere gli abitanti del paese – circa 2000 – in un’iniziativa che possa riavvicinarli ad uno stile di vita maggiormente naturale.

La proposta è stata accolta con entusiasmo da parte degli abitanti, desiderosi di avvicinarsi alla possibilità di ridurre i rifiuti. L’iniziativa sarà rivolta inizialmente a 150 famiglie, che allevando i propri polli avranno il vantaggio di poterne utilizzare le deiezioni per la concimazione degli orti.

Si tratta di un’ulteriore interessante possibilità che il sindaco ha ritenuto valida al fine di riavvicinare le famiglie del paese all’autoproduzione. La cerimonia di adozione dei polli si è svolta accompagnata da indicazioni riguardo a come prendersene cura. La speranza principale del sindaco di Barsac risiede nel riuscire ad ottenere un ottimo risultato per quanto concerne la riduzione dei rifiuti alimentari vegetali prodotti da parte delle famiglie.

Con una simile modalità, egli si augura di poter ridurre fortemente sia la quantità dei rifiuti che l’ammontare delle spese necessarie ai costi di incenerimento degli stessi. Non si tratta del primo comune francese dichiaratosi pronto ad adottare una simile iniziativa. I polli per la riduzione dei rifiuti sono infatti già stati accolti da parte delle famiglie dei comuni di Pincé e Besançon.

I francesi riusciranno nell’intento di ridurre l’ammontare dei rifiuti prodotti in famiglia? Pensate che una simile iniziativa potrebbe rivelarsi utile anche in Italia, ovviamente a patto che ai polli adottati vengano riservate le attenzioni migliori, come se si trattasse di veri e propri animali domestici? Sempre autorizzazioni della Asl permettendo (che ricordiamo variano da comune a comune)

Marta Albè

LEGGI anche:

Come costruire un pollaio con materiali di recupero

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook