Bicipulper

A riciclare la carta, siamo diventati tutti abbastanza bravi. Abbiamo scoperto che gettare nel cassonetto giallo i giornali vecchi, le riviste stropicciate, le vecchie agende e i fogli usati non è poi così difficile. E poi? Cosa succede dopo? Come si fa a ricavare carta da altra carta?

Comieco e la Cooperativa Pandora organizzano all’interno della mostra Stazione Futuro. Qui si rifà l’Italia, allestita presso le Officine Grandi Riparazioni di Torino, una due-giorni dedicata a spiegare ai più piccoli come funziona il riciclo della carta.

Oggi 6 e domani 7 luglio si alterneranno quattro laboratori (uno al mattino e uno al pomeriggio) che vedrànno impegnati i ragazzi a riciclare con i propri piedi la carta da riutilizzare.

Proprio i piedi saranno lo strumento che azionerà una particolare bicicletta, la Bicipulper, ideata da Comieco, insieme con COOP, la quale mette in moto un frullatore che, inserito in un secchio pieno di carta straccia e acqua, macina e riduce a poltiglia la carta.

A turno i ragazzi si siederanno sopra la bici per far agire il meccanismo. Quando la carta sarà giunta al giusto punto di macerazione sarà prelevata, adagiata su una pressa utile a eliminare l’acqua e successivamente stesa in modo da asciugare.

Bicipulper2

Un processo semplice, quello che fa nascere la carta da altra carta, eppure non così noto. E allora perché non far vedere cosa succede nel backstage di una immaginaria cartiera meccanica può essere utile a rendere quotidiano e semplice il pensiero di un gesto.

Dal 1996, la Cooperativa Pandora si occupa di educazione al consumo attraverso forme di intrattenimento partecipative e coinvolgenti, collaborando da anni con Comieco e Coop per attività formative dentro i supermercati e gli ipermercati della COOP. L’esperienza diretta, confermano, è motore di conoscenza e di voglia di saperne di più. Specie tra i più piccoli.

Bicipulper3

Il laboratorio fa seguito ad altri due che si sono già svolti per la mostra “Mi disegno con la carta” e “Design-fai-da-te”, dedicati a creare autoritratti con la carta riciclata e a costruire oggetti con il cartone, e fa parte di un calendario di attività e approfondimenti che la mostra dedica a vari aspetti del quotidianodestinati ad avere sempre maggiore rilevanza nei prossimi anni: le coltivazioni idroponiche, i materiali innovativi, la fabbricazione digitale…

È così che la mostra si apre al pubblico in modo anomalo, lasciando parlare il futuro in modo diretto.

Pamela Pelatelli

banner guida pulizie

Scrittori di classe

Come iscrivere la tua scuola a "salvare il Pianeta”, il concorso di Conad e WWF

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram