proroga-sistri-pmi

L'approvazione del Decreto Sviluppo alla Camera dei Deputati porta con sé una nuova proproga del Sistri (il nuovo sistema telematico di tracciabilità dei rifiuti), ma soltanto per le PMI, le piccole e medie imprese che partiranno non prima di giugno 2012, anche se il temine preciso di entrata in vigore dovrà essere stabilito entro 60 giorni.

Perché l'emendamento diventi definitivo bisognerà attendere anche il voto del Senato della Repubblica, previsto entro il 13 Luglio, ma non si prevedono sorprese, specie dopo la fiducia incassata dal Governo che, con 317 voti favorevoli, due astenuti e 293 voti contrari, ha approvato il maxiemendamento al Decreto Sviluppo da cui, tra gli altri provvedimenti approvati, è stato stralciato quello sulla concessione demaniale delle spiagge.

Ecco, dunque, il testo dell'emendamento sul Sistri, appena approvato:

Al fine di garantire che un adeguato periodo transitorio consenta la progressiva entrata in operatività del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiutiper i soggetti di cui all'articolo 1, comma 5, del decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 26 maggio 2011, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 124 del 30 maggio 2011, il relativo termine, da individuare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, nei modi di cui all'articolo 28, comma 2, del regolamento di cui al decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 18 febbraio 20 Il, n. 52, non può essere antecedente al 1° giugno 2012.

Le piccole e medie imprese, dunque, che abbiano meno di dieci dipendenti, non dovranno adottare il nuovo sistema Sistri a partire dal 1° Gennaio 2012, come inizialmente previsto, ma avranno tempo almeno fino al 1° di Giugno dello stesso anno.

Una ulterirore proroga era già nell'aria ed era stata chiesta da molte associazioni imprenditoriali, almeno per le aziende più piccole e così, in effetti, è stato, complice anche il problematico avvio con il Click Day, quando le imprese avevano provato ad utilizzare il nuovo meccanismo, mettendosi alla prova con i dispositivi elettronici forniti ma si erano verificati subito problemi ed intasamenti anche nel sistema centrale di controllo.

Le aziende più grandi, non interessate dalla proroga, dovranno rispettare i tempi già previsti per l'adozione del nuovo sistema Sistri:

  • dal 1° settembre toccherà ai produttori di rifiuti con più di 500 dipendenti, agli impianti di smaltimento e incenerimento, oltre che ai trasportatori autorizzati per trasporti superiori alle 3 mila tonnellate all’anno;
  • il 1° ottobre sarà la volta dei produttori di rifiuti che abbiano dai 250 ai 500 dipendenti, dei Comuni, Enti e Imprese che gestiscono i rifiuti urbani nella Regione Campania;
  • il 1° novembre, partiranno le imprese con dipendenti tra le 50 e 249 unità.
  • il 1° dicembre, infine, partiranno i produttori di rifiuti con un numero di dipendenti compreso tra 10 e 49 ed i trasportatori autorizzati per trasporti fino a 3 mila tonnellate all’anno.

Andrea Marchetti

forest bathing sm

Trentino

I migliori itinerari da fare a piedi o in bici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram