centriRaccoltadifferenziataForse non tutti sanno che non necessariamente la città di Napoli è sinonimo di "munnezza"... La lieta novella è che anche nella terra del sole si trovano esempi eccellenti di buone pratiche in fatto di raccolta e riciclaggio. Sembra strano? Eppure è proprio qui, nella patria della creatività, che è stato adottato un metodo innovativo per incentivare la differenziata, coinvolgendo adulti e piccini.

Si tratta dell'iniziativa della R.D. Italia, l'azienda partenopea che opera come rivenditore autorizzato esclusivista per l'Italia della norvegese Tomra Asa di sistemi tecnologici innovativi.

La logica è questa: barattare i rifiuti. In buona sostanza, la R.D. mette a disposizione di privati ed enti pubblici delle macchinette che raccolgono materiale che verrà a sua volta avviato al riciclo. La novità è che ad ogni tot di bottiglie o lattine gettate nella macchina scatta un premio.

In principio era il caffè. Sì, insomma, questo nuovo modo di raccogliere differenziando fu inaugurato, poco più di un anno fa, vicino a un bar nel centro di Napoli. Per ogni trenta bottiglie di plastica o trenta di alluminio la macchina dava uno scontrino per ricevere in omaggio una fumante tazzina di caffè espresso.

macchinaraccoglitorerifiutiRDPraticamente funziona così: grazie al software di cui è dotata la macchina, viene rilasciata una ricevuta in tempo reale oppure si memorizza e si accredita su una smart card il quantitativo raccolto di volta in volta da ogni singolo utente.

In un anno il progetto della R.D. Italia è cresciuto e diversi sono  i centri di raccolta che sono stati istallati a Napoli e a Caserta. Attualmente il raccoglitore automatico è presso il cinema Warner Village di via Chiaia, a Napoli, dove come incentivo si erogano biglietti gratuiti, la scuola Tito Livio, che ha definito come premio un lettore Mp3, e il Big Maxicinema di Marcianise, in provincia di Caserta, dove si riceve una bibita in omaggio.

Dalla R.D., le cui soluzioni proposte possono essere noleggiate per ventiquattro mesi o addirittura acquistate, garantiscono che queste macchine separano perfettamente i materiali, si elimina cioè la necessità di differenziare i rifiuti a casa e di sottoporre gli stessi materiali a processi di selezione nei centri di raccolta, e compattano e riducono il materiale raccolto del 30%, limitando così anche i costi di trasporto.

E allora, mia cara gente, non è forse questa una lodevole prova - tutta napoletana - di come incoraggiare a fare la raccolta differenziata?

Germana Carillo


casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram