quartieri_ricicloni_napoli

A pochi giorni dalla premiazione dei Comuni Ricicloni Campani – iniziativa di Legambiente giunta quest'anno alla sesta edizione – stavolta tocca al WWF dimostrare (per l'ennesima volta) come i cittadini campani siano tutt'altro che insensibili al problema dello smaltimento rifiuti. I dati presentati questa mattina all'Istituto Studi Filosofici di Napoli parlano chiaro: la raccolta differenziata in Campania è possibile e i risultati raggiunti con il porta a porta sono pari se non superiori a quelli di molti comuni del Nord... Europa.

Non si tratta di opinioni ma di fatti. Da due anni a questa parte il WWF conduce un esperimento pilota in 7 comuni di Napoli: Bagnoli, Ponticelli, Centro Direzionale, Chiaiano, Colli Aminei, San Giovanni a Teduccio e Rione Alto. Qui, dopo un'intensa attività di lavoro, sensibilizzazione, educazione, comunicazione e ancora lavoro, i cittadini hanno capito – prima degli amministratori locali –l'importanza di un corretto smaltimento dei rifiuti. Tanto che, dal 2008 ad oggi, il contributo di questi 7 comuni ha fatto sì che la percentuale di raccolta differenziata del capoluogo passasse dal 14,45% al 18,90% (nel 2000 si era all'1,32%).

E se messa così la cifra non sembra dire molto, presi singolarmente i “magnifici sette” rivelano un'attitudine degna di paesi come la Svezia, la Finlandia o la Germania. I quasi 20.000 cittadini di Bagnoli, ad esempio, hanno prodotto da gennaio a settembre di quest'anno 3.519 tonnellate di rifiuti, delle quali, però, solo 313 sono finite in discarica. Il resto - ovvero il 91,11% - è stato avviato al riciclo. Il quariere di Chiaiano, reso celebre dai mass media per gli autocompattatori dati alle fiamme, vanta un più che invidiabile 72,63%, e a seguire tutti gli altri, fino al 50,15% dei 31.876 abitanti di San Giovanni a Teduccio.

Cifre che dovrebbero smuovere le acque: i 130.000 napoletani dei quartieri del porta a porta – sostiene Alessandro Gatto, presidente del WWF Campania – ci dicono che puntare sulla raccolta differenziata spinta è un investimento sicuro che li mette allo stesso livello dei cittadini nord-europei. Rincara la dose Stefano Leoni, presidente del WWF Italia: i dati della composizione merceologica dei rifiuti prodotti a Napoli indicano l’enorme potenzialità in termini economici e di lavoro. È facile immaginare il recupero dei materiali come carta e cartone, che rappresentano oltre il 23% dei rifiuti prodotti nelle 6 province campane, dopo la frazione umida (33,62%), a cui si aggiungono plastiche, metalli, vetro e tessili. Questo ciclo virtuoso è poi quanto ci chiede l'Unione Europea. Parole a cui si aggiungono le immagini del documentario Voglia di differenziata, presentato insieme al report del WWF, una piccola inchiesta che dà voce ai cittadini e alle loro esigenze. A uscirne sconfitti, con la loro retorica su “inceneritori”, “cultura del sud” e “incapacità”, sono prima di tutto loro, quelli che il problema dovrebbero risolverlo: i politici. Buona visione.

Roberto Zambon

forest bathing sm

Trentino

Forest Bathing e non solo, per guarire con la natura

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram