carta-scarti-kiwi

I bellissimi quaderni e taccuini cuciti a mano e realizzati con gli scarti di kiwi e caffè

Quaderni cuciti a mano con carta ricavata dagli scarti di caffè, di kiwi, di mais, di ciliegia, di olive e di uva, tutti sottoprodotti di lavorazioni agro-industriali che altrimenti sarebbero finiti tra i rifiuti. L’idea è di Diego Cusano,un designer italiano che ha contribuito, quindi, alla realizzazione di una carta amica dell’ambiente.

Negli ultimi anni, il concetto di scarto è molto cambiato. Vi avevamo già parlato di moda ecologica e sostenibile nata dal riciclo degli scarti del processo di vinificazione, ovvero di Vegea e della sua collezione centrata su materiale vegan proprio a base di vinaccia o ancora di Orange Fiber, l’esperimento siciliano ben riuscito che utilizzata scarti di arancia per creare tessuti.

Questa volta, dal mondo della moda ci spostiamo alla cancelleria, grazie a Diego Cusano, conosciuto per le sue splendide illustrazioni interattive e che più che un disegnatore ama definirsi come “fantasy researcher”, cioè un ricercatore di fantasia.

E il termine è di certo quello giusto. 32 anni, nato a Caserta, vive a Modena da molti anni. In questi giorni sui social ha lanciato la sua linea di stationary, ovvero di cancelleria in edizione limitata realizzata in collaborazione con Stabilo e Perpetua La Matita.

carta scarti kiwi
carta scarti kiwi1

Trenta pezzi per ogni prodotto in cui non solo, ci sono le sue illustrazioni, ma per realizzare la carta vengono utilizzati gli scarti di kiwi, caffè e via dicendo. Taccuini, quaderni e agende sono poi cuciti a mano seguendo l’antica arte della rilegatura.

carta scarti kiwi3

"Questa scelta di creare un’edizione limitata è dovuta per mantenere la particolarità e l’unicità del mio progetto iniziato più di 5 anni fa!" scrive Cusano su Facebook mostrando proprio le bellissime illustrazioni.


Carta 100% green

Non è una novità quella di produrre carta con gli scarti, già nell’ormai lontano 2012 parlavamo di Crush di Favini, la carta prodotta con scarti di frutta come agrumi, uva, ciliegie,kiwi, o ancora legumi, lavanda, mais, olive, caffè, nocciole e mandorle, materie prime 100% naturali.

Ma ogni nuova idea viene ben salutata, soprattutto se si pensa all’impatto positivo che questo processo di produzione ha sull’ambiente. L’utilizzo degli scarti permette di risparmiare il 15% di cellulosa proveniente da un albero e di ridurre del 20% le emissioni di gas serra.

Taccuini, agende e quaderni saranno presto disponibili nell'e-commerce di Diego Cusano, per maggiori info clicca qui

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Foto

tuvali 320 a

TuVali

+ di 130 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

donnapop

Segui DonnaPOP

Il magazine femminile che trascina nell'arena i trend del momento!

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
oli essenziali
ricette
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi pagamento
whatsapp gratis
seguici su instagram