sacchetto_che_si_beve

Sacchetti che non solo non inquinano i mari, ma possono trasformarsi in acqua e cibo per persone e animali. L’idea che fa bene all’ambiente è del biologo indonesiano Kevin Kumala.

Dopo anni negli Stati Uniti, Kevin Kumala è tornato nella sua Bali, ma ciò che ha trovato davanti ai suoi occhi l’ha letteralmente sconvolto. Le spiagge sconfinate e l’acqua cristallina del mare avevano lasciato spazio a rifiuti di ogni sorta, capitanati dalla plastica.

Una situazione a cui non è estranea neanche l’Italia, ma un fenomeno globale tanto che c’è già a chi sta pensando alla pulizia degli oceani grazie a dei dispositivi realizzati ad hoc.
Ma prevenire è sempre meglio che curare, soprattutto in paese come l’Indonesia dove si stima che circa 3,2 milioni di tonnellate di plastica siano riversate nella costa.

Non a caso, dopo la Cina, il paese indonesiano è il più grande inquinatore del mondo. A pagarne le conseguenze sono gli animali in primis che ogni anno muoiono con la plastica nello stomaco.

E pensare che la soluzione è a portata di mano, diminuire e pian piano abolire l’utilizzo quotidiano della plastica e soprattutto riciclare. In questa direzione, va l’idea di Kumala che ha inventato un sacchetto che sostituisce quello tradizionale creato con il petrolio.

sacchetto che si beve

I suoi sacchetti 'I am not plastic' sono realizzati con la manioca, una pianta indonesiana che cresce in maniera sconfinata, sono biodegradabili, compostabili e si consumano in 100 giorni come quelli in materbi.

Ma la novità sta nel fatto che se finiscono in mare, non sono un’arma letale, ma possono diventare acqua e cibo, come mostra Kumala in un video che ha fatto il giro del mondo.

Come vedete lui stesso mette un sacchetto in acqua calda e lo beve:

I sacchetti costano cinque centesimi in più rispetto a quelli in plastica, ma il gioco vale la candela quando in ballo c’è il futuro del nostro Pianeta.

Come stiamo distruggendo il nostro Pianeta:

sacchetto che si beve1jpg

Foto

La fabbrica Avani eco di Kumala si trova sull’isola di Java e produce anche altri tipi di imballaggi fatti dall’amido di mais, piuttosto che dallo zucchero di canna, soia e girasole. Tutti i prodotti che una volta che non servono più possono essere usati come compost.

Dominella Trunfio

Foto

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram