#NoRifiutinelWC: ecco cosa non dovresti mai buttare nel water

rifiuti_nel_wc

Blister, tamponi e assorbenti, cotton fioc, cerotti, quante volte li abbiamo buttati nel nostro wc? Niente di più sbagliato perché la distanza tra il nostro bagno e il mare è meno di quella che si immagina.

Il 10% dei rifiuti presenti sulle spiagge italiane, sia dei mari che dei laghi, proviene dagli scarichi dei nostri bagni, anche a causa di sistemi di depurazione inefficienti, che minacciano interi ecosistemi. 

Il 9% di questi rifiuti spiaggiati è costituito da bastoncini per la pulizia delle orecchie che vengono buttati nei WC. In sole 46 spiagge lungo la penisola sono stati trovati quasi 7mila cotton fioc (monitorate da Legambiente tra il 2016 e il 2017 con l’indagine Beach Litter), in pratica due bastoncini per le orecchie ogni passo tra la sabbia.  

Il problema, purtroppo, non sono solo i cotton fioc, ma blister, tamponi e assorbenti, medicazioni, deodoranti per wc, contenitori per le lenti a contatto. Tutti rifiuti che dovrebbero essere gettati nel cestino e non nel water.

Per sensibilizzare sulle buone pratiche Legambiente e Ogilvy Change, lanciano la campagna #NoRifiutinelWC con lo scopo di far capire che a volte basta un piccolo gesto quotidiano per cambiare la sorte dei nostri mari.

rifiuti nel wc


Si calcola che ogni anno 8 milioni di tonnellate di rifiuti finiscono dritti nei fiumi, laghi, mari e negli oceani del mondo e di questi una percentuale tra l’80% e il 90% di questi rifiuti è plastica. 

"Si tratta di rifiuti che creano problemi economici, ambientali e alla fauna marina, ma possono anche finire sulle nostre tavole visto che le microplastiche vengono facilmente ingerite dai pesci. Se poi i sistemi di depurazione non ci sono o sono inefficienti. Possiamo e dobbiamo invertire questo trend”, spiega Stefano Ciafani, direttore generale di Legambiente. 

I nostri mari sono sempre più inquinati: 

Ecco una lista di cose che non dovresti mai gettare nel wc:

  • Cotton Fioc
  • Blister di medicinali
  • Tamponi e assorbenti
  • Carta da cucina e i fazzoletti usa e getta
  • Preservativi in lattice
  • Pannolini
  • Avanzi di olio o di cotture grasse
  • Animali morti
  • Salviette umidificate
  • Mozziconi di sigarette
  • Materiali di risulta come sabbia, vernici, polveri
  • Dischetti struccanti
  • Cerotti, bendaggi e materiali medici

Dominella Trunfio