Raccolta differenziata: 30 rifiuti che non si riciclano né si compostano

raccolta_differenziata

Nonostante il riciclaggio e il compostaggio siano due delle pratiche green più importanti, ci sono alcuni rifiuti, anche organici, che non si differenziano nei normali bidoni della raccolta differenziata (carta, plastica, vetro) né compòstano come erroneamente si potrebbe credere.

Ricordate i giorni in cui c'era un solo raccoglitore della spazzatura? Abbiamo spedito in discarica cose che avrebbero potuto concimare i giardini dei nostri cortili, abbiamo sepolto a fianco di altri materiali, composti che avremmo potuto recuperare e reinserire nella catena di produzione.

Oggi ognuno di noi ha diversi bidoni della spazzatura e molti sono soliti cimentarsi nella produzione di compost fai-da-te da utilizzare come concime per il proprio giardino. Ma non tutti i rifiuti sono adatti per un raccoglitore o per l'altro. Ed esistono ancora molti luoghi comuni che è meglio sfatare.

Ecco un elenco di 30 cose che le persone erroneamente tentano di compostare o riciclare. Pronti? Ai bidoni ! Partenza.. via!

RIFIUTI ORGANICI CHE È MEGLIO NON INSERIRE NEL COMPOST:

Prodotti di panetteria: torte, pasta e prodotti da forno. Metti uno di questi elementi nella pila per il compostaggio e hai steso il tappeto di benvenuti per i parassiti indesiderati.

Olio da cucina: è ideale come cibo per animali e per insetti visitatori. Può anche sconvolgere l'equilibrio di umidità del compostaggio.  Soprattutto se si tratta dell'olio della frittura esausto per la quale esistono, come abbiamo visto, particolari regole a cui attenersi per il corretto smaltimento.

Piante malate: cestinatele. Se non volete trasferire batteri o funghi a tutto ciò che finisce nel compostaggio.

Feci umane o animali: Troppo rischio per la salute. Ciò include la lettiera del gattino. I rifiuti e la lettiera dagli animali domestici non-carnivori dovrebbero essere fini.

Prodotti a base di carne: Ciò include i grassi animali delle ossa, di sangue e del pesce. Un altro magnete per i parassiti.

Prodotti lattiero-casearii: Astenetevi dal concimare con composti in latte, formaggio, yogurt e crema. Si degradano e attirano i parassiti.

compost

Riso: il riso cucinato è insolitamente focolaio fertile per quei generi di batteri che non volete nel vostro concime. Il riso crudo attira microorganismi nocivi.

Segatura: così allettante. Ma se non si conosce il legno da cui proviene e come è stata trattata, meglio stare alla larga.

Piante da giardino testarde: i denti di leone, l'edera e il kudzu sono esempi di piante o di erbacce che, se destinate al compostaggio, piuttosto che decomporsi, utilizzerano il nostro compost come posto ideale per svilupparsi.

Prodotti personali usati: tamponi, pannolini e oggetti sporchi di sangue o liquidi sono un rischio per la salute.

Noci: contengono il juglone, una sostanza naturale aromatica e tossica per alcune piante.


RIFIUTI CHE NON SI RICICLANO NELLA COMUNE DIFFERENZIATA

raccolta_differenziata2

Bombolette per l'aerosol: sono di metallo. Poiché le bombolette spray contengono anche i propellenti ed i prodotti chimici, la maggior parte dei sistemi comunali li considerano materiale pericoloso.

Batterie: sono riciclate separatamente sia dai rifiuti regolari che dal riciclaggio porta a porta.

Carta brillante, tinta: le forti tinture di carta funzionano come un calzino rosso nel bucato bianco.

Ceramiche: es. le tazze di caffè. Possono essere riutilizzate per il giardino.

Pannolini: Non è commercialmente fattibile recuperare la carta e la plastica dei pannolini usa e getta. Molti Comuni hanno previsto una raccolta ad hoc, ma per non sbagliare meglio orientarsi verso pannolini biodegradabili (e anche compostabili) o pannolini lavabili.

Rifiuti pericolosi: includono prodotti chimici di uso casalingo, l'olio del motore, l'antigelo ed altri liquidi refrigeranti. L'olio del motore è riciclabile, ma di solito è trattato separatamente dagli articoli per la casa. Scoprite come la vostra comunità tratta i materiali pericolosi prima di aver bisogno di questi servizi.

Vetro per la casa: i vetri delle finestre, gli specchi, sono poco pratici da riciclare e non andrebbero buttati nella classica campana. Anche qui informarsi prima sul corretto smaltimento

Le lampadine a risparmio energetico sono riciclabili, ma contengono una piccola quantità di mercurio e non dovrebbero essere trattate come le lampadine comuni di casa. In Italia è il Consorzio Ecolamp ad occuparsi dello smaltimento di queste lampadine e bisogna informarsi sui punti di raccolta allestiti nelle diverse città.

Contenitori per succhi di frutta ed altri contenitori di bevande rivestiti di cartone: Alcune aziende di imballaggi (Tetra pack o Elapack) hanno cominciato a produrre i contenitori riciclabili. Questi saranno appositamente contrassegnati con l'apposito simbolo. Gli altri non sono adatti per il riciclaggio.

Rifiuti sanitari: siringhe, tubi, bisturi ed altri elementi a rischio biologico dovrebbero essere smaltiti come tali.

Gomme e Pneumatici: anche loro hanno un sistema di smaltimento apposito, mai gettarli nei cassonetti della plastica.

Tovaglioli ed fazzoletti di carta: tranne i casi in cui hanno assorbito qualcosa in particolare, destinarli al compostaggio.

Contenitori della pizza: Al contrario di ciò che si pensa questi cartoni una volta mangiata la pizza sono troppo grassi per essere inseriti nel bidone della carta.

Sacchetti di plastica ed involucro di plastica: se possibile, pulire e riutilizzare. Assicurarsi che non vengano dispersi nell'ambiente.

Scatole di plastica rivestite, contenitori di plastica  per alimenti, o plastica senza il simbolo del riciclo: nel bidone della plastica vanno inseriti solo i contenitori appositamente segnalati dal simbolo, per il restante informarsi sul corretto smaltimento.

Viti di plastica: smaltire separatamente dalle bottiglie di plastica riciclabili. Ricorda che i tappi più piccoli sono rischio di soffocamento se immessi nell'ambiente.

Stoviglie di plastica: piatti, bicchieri e posate di plastica non sono riciclabili e vanno gettati nell'indifferenziato. A meno che non si tratti di prodotti in bioplastica biodegradabile come il mater-Bi che possono essere tranquillamente compostati.

Carta bagnata: la carta che è stata esposte all'acqua non può essere riciclata. Le fibre possono essere danneggiate e ci sono rischi di contaminazione.

Scontrini e carta trattata chimicamente: vanno gettati nell'indifferenziata

Il vostro sistema di riciclaggio comunale ha l'ultima parola su ciò che finisce nel bidone. Alcune zone limiteranno più elementi di quelli elencati. Altri hanno programmi speciali per la gestione dei materiali complessi o più problematici. Nella maggior parte dei casi, i sistemi comunali sono lieti di fornire ai cittadini linee guida scritte. Ti chiedi come riciclare qualcosa? Chiama il numero verde del Comune della tua città che saprà sicuramente indirizzarti all'ufficio dedicato appositamente istituito per eliminare ogni vostro dubbio.

Michela Silvestri




Pin It