RAEE ecodom

Rifiuti elettrici ed elettronici: quanti benefici potremmo avrere se tutti i RAEE che generiamo in Italia venissero smaltiti correttamente? Tanti, tantissimi, e sia in termini di risparmio energetico sia di minori emissioni di gas serra.

Ben 75.985 sono state le tonnellate di RAEE (frigoriferi, climatizzatori, lavatrici, forni, cappe e scalda-acqua) trattate nel 2014 da Ecodom, il principale Consorzio Italiano per il Recupero e il Riciclaggio degli Elettrodomestici. Da qui, si è registrato un riciclo di 66.857 tonnellate di materie prime seconde: 45.624 tonnellate di ferro (quanto necessario per costruire 6 Tours Eiffel), 1.670 tonnellate di alluminio (sufficienti per produrre 104 milioni di lattine), 1.544 tonnellate di rame (equivalenti a quelle necessarie per rivestire 17 Statue della Libertà) e 7.788 tonnellate di plastica (che consentirebbero di produrre 3,1 milioni di sedie da giardino).

A dimostrazione che sì, se tutti i RAEE venissero trattati con un certo livello di qualità, il nostro Paese ne andrebbe a guadagnare.

Con quelle quasi 76mila tonnellate di RAEE, si è inoltre evitata l'immissione in atmosfera di 882.850 tonnellate di CO2 e determinato un risparmio energetico di oltre 87,8 milioni di kWh di corrente elettrica, capaci di soddisfare il fabbisogno energetico annuo di una città con oltre 75mila abitanti, come Varese.

È quanto emerge dal settimo "Rapporto di Sostenibilità 2014" , presentato da Ecodom, da cui viene fuori anche l'allarmante problema dei cambiamenti climatici.

"In 7 anni di operatività - spiega Mauro Cola, Presidente di Ecodom - il Consorzio ha raccolto e trattato 500mila tonnellate di Rifiuti Elettrici ed Elettronici, consentendo un risparmio energetico di oltre 500 milioni di kWh ed evitando l'immissione in atmosfera di oltre 6 milioni di tonnellate di CO2, pari all'assorbimento annuo di un bosco esteso per più di 6mila kmq, come l'intera Liguria. Abbiamo cercato di operare bene e vogliamo continuare a farlo. Ma è necessario che il quadro normativo venga completato al più presto, rendendo obbligatoria l'adozione di standard di qualità elevati per tutti i soggetti che si occupano di RAEE, in linea con quanto già accade in alcuni Paesi europei".

Rispetto al 2013, la quantità di RAEE che il Consorzio ha gestito nel 2014 è cresciuta di quasi 7 punti percentuali, ma ancora molto c'è da fare.

"Purtroppo, infatti, su 4 apparecchi dismessi dagli italiani – conclude Cola - solo uno viene sottoposto ad un trattamento ambientalmente corretto come quello che effettua il nostro Consorzio; il resto viene spesso gestito da soggetti che non si preoccupano degli aspetti ambientali. A ciò va aggiunto anche il fenomeno del 'mancato conferimento': circa 200 milioni di apparecchiature elettriche ed elettroniche non più funzionanti giacciono abbandonati nelle nostre case... in media, 8 per famiglia!".

LE REGIONI più VIRTUOSE – Per quanto riguarda il corretto riciclo di elettrodomestici a livello territoriale, anche nel 2014 la Lombardia si è confermata la regione più virtuosa in base ai RAEE gestiti da Ecodom: sono state 15.821 le tonnellate di apparecchiature trattate, con 15.455.000 kWh di energia risparmiata e 154.400 tonnellate di CO2 non immesse nell'atmosfera.

Al secondo posto si classifica la Toscana (con 7.798 tonnellate di RAEE gestiti, corrispondenti a 7.495.000 kWh di energia risparmiata e 72.660 tonnellate di CO2 non immesse nell'atmosfera), seguita dal Veneto (con 7.551 tonnellate di RAEE gestiti); quarto e quinto posto per l'Emilia Romagna (con 7.407 tonnellate) e il Piemonte (con 5.878 tonnellate di rifiuti trattati).

Germana Carillo

LEGGI anche:

Raccolta differenziata e RAEE: quanto ne sanno gli italiani?

Rifiuti elettronici: le 3 regole per smaltire correttamente i Raee

RAEE: arriva l'App per trovare il centro di smaltimento rifiuti elettronici più vicino

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram