Discariche italia

Stracolme entro i prossimi due anni: le discariche d'Italia non solo sono troppe, ma all'attuale ritmo di smaltimento della spazzatura non ce la si farà nemmeno a sbarazzarsi del tutto di quei 30 milioni di tonnellate di rifiuti urbani prodotti ogni anno. Così, il Belpaese è destinato a riempirsi di immondizia mentre incalza la nuova direttiva Ue con la quale tutti i Paesi europei si preparano ad abbattere le quantità di rifiuti in discarica.

Sono i risultati del primo WAS Annual Report, il rapporto sulla gestione dei rifiuti preparato dalla società di ricerche e di consulenza strategica ambientale Althesys, secondo il quale, in ogni caso, l'Italia potrebbe avere potenziali benefici economici e sociali fino a ben 15 miliardi tramite il raggiungimento degli obiettivi Ue sui rifiuti al 2030, e in particolare con il target del 70% di riciclo.

DIFFERENZIATA – Quello su cui si dovrebbe puntare sarebbe in primis la raccolta differenziata, ma l'arretratezza italiota non fa altro che ritardare modi e tempi di un punto così importante. Per gestire i quasi 30 milioni di tonnellate di rifiuti prodotti in Italia "la ricetta è già indicata dall'Europa e prevede da un lato l'aumento delle percentuali di raccolta differenziata e il recupero dei materiali e dall'altro la termovalorizzazione dei rifiuti indifferenziati". L'Italia è infatti "distante dai Paesi del nord Europa", dove in alcuni casi l'uso della discarica è pari a zero, e in più qui la gestione della spazzatura è ancora troppo sbilanciata sulle discariche: in alcune aree, infatti, vengono usate per oltre il 90% della produzione di rifiuti (mentre la media nazionale si attesta al 37%, con una situazione molto critica in Sicilia, in Calabria, nel Lazio, in Puglia e in Liguria). Le regioni che hanno meno impianti sono anche quelle con i livelli di raccolta differenziata più bassi.

L'intero sistema, quindi, è sbilanciato (e quindi addio agli investimenti nelle filiere più avanzate) a causa di quel 42,3% di rifiuti che continua ad andare in discarica.

Insomma, per avvicinarci agli standard richiesti dall'Europa ci sarebbe il raggiungimento della quota di riciclo: il 50% nel 2020 e il 70% nel 2030. Poi, la prevenzione con l'introduzione di un obiettivo di riduzione dei rifiuti alimentari del 30% entro il 2025.

Secondo dati Ispra, nel 2013 la produzione nazionale dei rifiuti urbani si è attestata a circa 29,6 milioni di tonnellate, facendo registrare una riduzione di quasi 400mila tonnellate rispetto al 2012. In valore assoluto, la raccolta differenziata si attesta invece a 12,5 milioni di tonnellate con una crescita, di poco inferiore, tra il 2012 e il 2013, a 530 mila tonnellate (+4,4%). Nel Nord la raccolta si colloca a 7,4 milioni di tonnellate, nel Centro a 2,4 milioni di tonnellate e nel Sud a 2,7 milioni di tonnellate.

raccoltadiffispra

In definitiva, è ancora troppo poco e ancora molto c'è da fare. Rendiamoci conto che la posta in gioco è molto alta e che seguire Bruxelles significherebbe ottenere anche a vantaggi consistenti in termini di occupati e fatturato, oltre che di riduzione di impatto ambientale e salvaguardia del futuro dei nostri figli.

Germana Carillo

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram