riciclo_carta_nataleLa raccolta differenziata non deve andare in vacanza a Natale. Questo auspica un recente sondaggio IPSOS-COMIECO, che ha ribadito l'importanza, soprattutto durante le feste, di prestare attenzione a come si differenziano i ritiuti che, si sa, in questo periodo, sono molti molti di più. Dallo studio emerge che 8 italiani su 10 fanno regolarmente la raccolta differenziata di carta e cartone, ma molti tra questi non sanno farla bene e finiscono per commettere degli errori.

Ad esempio, non tutti i tipi di carta sono uguali. Mentre una parte va dritta dritta nel cassonetto di carta e cartone, altri invece dovrebbero finire nell'indifferenziata. Sembra una banalità, ma in un periodo in cui cartoline, carte regalo e imballaggi di alimenti sono numerosi, il danno all'ambiente sarebbe grave. Ecco allora che Comieco (Consorzio Nazionale per il recupero e il riciclo degli imballaggi a base cellulosica) ci fornisce alcune linee guida per un Natale all'insegna della sostenibilità.

Si parte dal cenone o dal pranzo di Natale. L'antipasto, se è costituito da salumi, affettati e formaggi solitamente è contenuto in un tipo di carta che è destinata all'indifferenziata, anche perché è sporca di cibo. Ciò differisce per gli imballaggi misti, in plastica e carta. Per essi valgono le normali regole della raccolta.

Ma andiamo al primo: la pasta al forno, lasagne, cannelloni o anelletti (in Sicilia). La carta da forno va nell'indifferenziata, così come i tovaglioli usati insieme a tutti gli altri tipi di carta sporchi di cibo. E su questo punto, lo studio invita a soffermarci visto che metà degli italiani incappa in questo banale errore.

Dopo il primo, ecco il secondo. Per tradizione dovrebbe essere il cotechino o lo zampone. Allora, occhio a separare la confezione di cartone esterna dall'involucro che contiene la carne. Stesso discorso vale per il dolce natalizio, il panettone o il pandoro.

E dopo il dolce viene l'amaro, ossia il conto, o meglio lo scontrino. Eh sì, anche qule minuscolo pezzetto di carta ha una sua importanza criuciale. Che poi tanto minuscolo non è viste le spese abbondanti del periodo natalizio. Non stupisca il fatto che il riciclo dello scontrino sia l'errore più commesso dagli italiani nella raccoltà differenziata: il 75% di essi lo getta insieme alla carta ma invece, essendo carta chimica dovrebbe finire insieme ai rifiuti indifferenziati.

Se vogliamo dare un entità materiale a quanto detto, possiamo dire che con queste piccole accortezze, soltanto nel periodo natalizio, un'intera discarica potrebbe essere evitata e circa 120 mila tonnellate di carta e cartone potrebbero ritornare a vivere.

Francesca Mancuso

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram