Zampa di capra mozzata indirizzata alla Brambilla. Per la LAV è un avvertimento zoomafioso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un pacco contentente una zampa di capra mozzata indirizzato al Ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla è stato intercettato oggi dalla polizia al centro di smistamento postale dell’aereoporto di Fiumicino. Ad insospettire gli addetti, la mancanza dell’indicazione del mittente sul pacco che ha fatto subito scattare i controlli. Ispezionato dapprima dagli artificieri, una volta accertati che non contenesse esplosivi, il plico, dalle dimensioni di 20 cm x 20 cm, è stato aperto.

Potete immaginare lo stupore degli addetti alla macabra scoperta trovandosi davanti la zampa di capra mozzata. L’ipotesi più accreditata dagli inquirenti è che si tratti di un avvertimento al Ministro per le dure posizioni prese nei confronti della caccia con la sua campagna online di raccolta firma per farla abolire, presentata proprio nei giorni scorsi.

Non si è fatta attendere la solidarietà unanime da parte del Pd, del WWF, ma soprattutto della lega Antivivisezione:“La zampa mozzata di una capra, indirizzata al Ministro Vittoria Brambilla e rinvenuta stamattina in un pacco, presso il centro di smistamento delle Poste dello scalo di Fiumicino, rappresenta un avvertimento zoomafioso contro una politica che ha avuto il coraggio di denunciare la barbarie dell’uccisione degli animali per divertimento e di rappresentare quella parte schiacciante dell’elettorato di centrodestra che è contro la caccia.ha detto Gianluca Felicetti, presidente della LAVLe minacce al Ministro recapitate anche negli scorsi mesi, senza che a queste corrispondesse alcuna presa di distanze delle associazioni venatorie, rafforzano sicuramente la volontà del Ministro Brambilla, così come la nostra, a proseguire la battaglia animalista per un‘Italia civile e sicura”.

Ed esprime con una nota tutta la sua solidarietà anche Stefania Prestigiacomo: “Esprimo la mia piena solidarietà alla collega Brambilla per l’atto intimidatorio subito. Le convinzioni animaliste di Michela Vittoria Brambilla possono essere condivise o contestate ma sempre entro l’ambito del civile confronto delle opinioni. Parole e gesti di intolleranza contro chi la pensa diversamente, sempre più frequenti nel nostro paese in questo periodo, sono inaccettabili e devono preoccupare chi ha a cuore la democrazia in Italia“.

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook