@ NOAA/Twitter

Dopo l’uragano Ida, sversamenti di petrolio e di sostanze chimiche in Louisiana

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non solo danni a paesi e abitazioni: l’uragano Ida, abbattutosi in Luisiana, ha provocato ferite anche negli oleodotti sottomarini, con il conseguente sversamento di ingenti quantità di greggio in mare

L’uragano Ida, che la scorsa settimana si è abbattuto con una potenza di 240 km/h nello stato della Louisiana (Stati Uniti), ha provocato non solo vittime fra i residenti e distruzione dei centri abitati, ma anche (purtroppo) l’ennesimo disastro ambientale: depositi di carburante distrutti, serbatoi rovesciati e petroliere affondate hanno fatto registrare alle autorità locali centinaia di segnalazioni di fuoriuscite di sostanza chimiche, petrolio e diesel.

(Leggi anche: L’uragano Grace è sempre più potente e si è appena abbattuto sul Messico)

Ma non solo: grazie alle foto satellitari pubblicate dalla National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) è stato possibile vedere un’enorme marea nera a largo del Golfo del Messico, in prospicienza della piattaforma petrolifera Enterprise Offshore Drilling. Le operazioni di bonifica dell’area sono iniziate subito dopo la segnalazione: si tratterebbe di petrolio grezzo proveniente da una fonte sott’acqua situata circa tre chilometri a sud di Port Fourchon, sulle coste della Louisiana e sarebbe parte di un oleodotto dell’azienda Talos Energy.

Il portavoce della compagnia petrolifera ha annunciato il proprio sostegno, anche economico, alle azioni di pulizia e bonifica dell’area – benché l’azienda si ritenga non responsabile per lo sversamento di petrolio in acqua. Purtroppo è ancora troppo presto per definire l’entità del danno, quanto petrolio sia finito in mare e quanto ci vorrà per bonificare l’area.

Lo sversamento a Port Fourchon non è l’unico registrato dopo il passaggio dell’uragano Ida. Sempre grazie alle immagini fornite da NOAA è stata individuata un’altra marea nera nei pressi di una raffineria lungo il fiume Mississippi: lì l’acqua del corso d’acqua presenta i tipici riflessi colorati di una contaminazione da petrolio. Anche in questo caso quantificare i danni è ancora difficile e, benché le autorità locali tendano a rassicurare su danni limitati e pienamente gestibili, gli ambientalisti denunciano un quadro della situazione ben più grave. 

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: NOAA

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Schär

Schär, alla scoperta di un mondo fatto di cereali e qualità

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook