E’ strage di alberi in città per colpa di strade e arroganza dell’uomo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Alberi sempre più vittime della cementificazione e del rinnovo del manto stradale delle città, tanto da arrivare a parlare di una vera e propria strage. Pini, lecci, perfino pioppi ed eucalipti vengono tagliati preventivamente, per scongiurare eventuali pericoli.

Centinaia di segnalazioni e proteste da tutta Italia. Ma da Nord a Sud l’andazzo delle piccole e grandi metropoli sembra lo stesso: gli alberi vengono tagliati, anche se non sono malati perché si deve rinnovare il manto stradale o creare restringimenti e rotatorie.

Tanti lettori ci hanno segnalato anomalie, come dimenticare i pini di Napoli tagliati in via Gramsci, le centinaia di alberi abbattuti a Roma e ancora in Calabria dove non sono stati salvati neanche dei platani monumentali?

Ricordando per giunta che i cosiddetti alberi monumentali sono tutelati dalla legge 10 del 2013 in quanto hanno valore paesaggistico, storico, culturale e naturale. Molto spesso, si interviene sulle radici indebolendo l’albero.

Strage di alberi in città, cosa puoi fare tu

Il Comune sta tagliando alberi secolari e di notevole importanza. Cosa posso fare? Ce lo spiega il Coordinamento nazionale Alberi e Paesaggio onlus, l’organizzazione no-profit per la tutela di alberi, foreste, giardini e paesaggi, per la divulgazione scientifica e culturale e per l’educazione ambientale.

Dice Conalpa, bisogna accertarsi prima di tutto che si tratti di alberi protetti da leggi regionali o regolamenti comunali del verde oltre ad avere un notevole valore storico-culturale. Capire se c’è il parere di un agronomo sul fatto che l’albero è stato schedato come malato o pericoloso per l’incolumità pubblica.

Se l’albero non è ritenuto pericoloso si può intervenire con un’altra relazione di un agronomo o forestale che deve testimoniare con dati alla mano che gli alberi sono sani e non vanno abbattuti.

“Se gli alberi sono sani e il taglio non viene fermato nonostante le segnalazioni a Forestale e organi competenti, si può procedere con un esposto alla Procura della Repubblica allegando tutta la documentazione possibile facendosi appoggiare da più associazioni ambientaliste e comitati di cittadini”.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook