Credevano fossero estinte, ma fortunatamente si sbagliavano: le “api blu” esistono ancora!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli scienziati credevano che fossero estinte, ma fortunatamente si sbagliavano: le “api blu” esistono ancora. Un rarissimo esemplare è stato avvistato lo scorso marzo in Florida dal ricercatore universitario Chase Kimmel, dopo 4 anni di ricerche a vuoto.

In realtà, non si tratta propriamente di un’ape, ma di un insetto appartenente alla specie Osmia calaminthae.

Sono diffuse prevalentemente in Florida, deve la sua particolare colorazione blu alla preferenza per il polline del fiore violaceo della pianta Clinopodium ashei.

“Ero consapevole del fatto che probabilmente non avremmo più rivisto queste osmie, quindi è stato molto emozionante vederne un esemplare”,

ha raccontato Kimmel.

@Chase Kimmel

“Stiamo cercando di colmare molte lacune su questa specie. Ciò dimostra quanto poco sappiamo della comunità degli insetti e quante scoperte possiamo ancora fare.”

ha chiarito il ricercatore.

Kimmel e il suo consulente, Jaret Daniels, direttore del McGuire Center for Lepidoptera and Biodiversity del Florida Museum, stanno lavorando a un progetto di ricerca di due anni per determinare l’attuale stato e la distribuzione della popolazione dell’ape calamintha blu, nonché le abitudini di nidificazione e alimentazione.

Pare che viva soltanto nei pressi del Lake Wales Ridge, area conosciuta a livello mondiale per la sua incredibile biodiversità.

La sopravvivenza di questa specie dipende strettamente dal Clinopodium ashei, una pianta originaria degli Stati Uniti, che rischia di scomparire.

Clinopodium ashei

@Chase Kimmel

Durante l’impollinazione,  fa oscillare la testa avanti e indietro per raccogliere più polline possibile. Daniels e Kimmel stanno tentando di determinare se si nutre esclusivamente del Clinopodium ashei o anche di altri fiori, studiando il polline raccolto e monitorando i suoi spostamenti.

L’Osmia calaminthae è un insetto apoideo, che crea nidi individuali anziché alveari come le altre api. Infatti, tendono a utilizzare nidi fatti di terra o cavità degli alberi morti.

Quella avvenuta in Florida è una bellissima scoperta che ci fa ben sperare per il futuro di questa affascinante e colorata specie di api, oltre che per il pianeta!

Fonte: Florida Museum 

Leggi anche:

 

 

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook