Sardine al collasso nei Caraibi. Colpa dei cambiamenti climatici e della pesca intensiva

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Proprio come quelle dell’Adriatico, anche le sardine del mar dei caraibi sono ormai al collasso e la colpa è principalmente dei cambiamenti climatici. La notizia arriva da uno studio condotto da ricercatori di varie università statunitensi e venezuelane e pubblicato sulla rivista Pnas, che avverte sulle gravissime conseguenze della diminuzione degli stock dei piccoli pesci azzurri caraibici, noti come “Sardinella aurita”.

Per quanto piccole, infatti, queste piccole creature sono assolutamente essenziali per la salute e la sopravvivenza di molti ecosistemi marini. Perché, oltre a costituire sfortunatamente la base di molte nostre ricette culinarie, le sardine sono cibo fondamentale per un gran numero di altre specie marine, compresi uccelli, balene, foche, leoni marini e pesci. Ma il cambiamento climatico, la diminuzione del plancton e la pesca eccessiva stanno mettendo ora a rischio l’esistenza della Sardinella aurita e quella delle specie che da lei dipendono.

Il team di scienziati ha stabilito, con misurazioni registrate mensilmente per un periodo di 14 anni nel bacino Cariaco, al largo della costa settentrionale del Venezuela, che i livelli decrescenti di produzione di plancton sono diminuiti in maniera significativa, soprattutto a partire dal 2005, proprio a causa dei cambiamenti climatici. Ma anche la pesca eccessiva ha contribuito al crollo degli stock, avvertono i ricercatori, scesi di ben 87 punti percentuali.

Le misurazioni nel Cariaco vengono effettuate regolarmente, con cadenza mensile, per esaminare l’andamento nel tempo per ogni parametrospiega Yrene Astor, della “La Salle Foundation of Natural Sciences” e cautore dello studio. “Questo – continua Astor- ha rivelato che la temperatura dell’acqua è aumentata di 1,1 gradi centigradi dal 1996. Un aumento molto lieve, lento ma costante“, che ha contribuito ad alterare la risalita upwelling delle acque profonde e il conseguente trasferimento dalle profondità oceaniche del plancton.

I ricercatori sono ancora incerti sull’attribuzione di questi cambiamenti all’uomo o a una variazione naturale del clima. Resta però il fatto che, come spiega il coautore Robert Thunell, ricercatore dell’Università del South Carolina, “questo lavoro mostra chiaramente come, anche quando i cambiamenti climatici sono relativamente modesti, si può avere un grande impatto sull’ecosistema marino“. E il calo delle popolazioni di plancton è davvero uno dei problemi peggiori che potessero capitare per la preservazione della biodiversità dei nostri oceani, dove ogni specie è collegata all’altra.

Roberta Ragni

Leggi anche: Pesce azzurro, abbiamo finito le sardine

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook