Cucciolo di cane salvato da una scimmia

Prepariamoci per nuove malattie delle colture in agricoltura, generate dalla crisi climatica. Lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo un recente studio, l’India vedrà un sostanziale abbassamento degli patogeni delle colture, ma l’aumento costante e ininterrotto delle temperature potrebbe mettere ugualmente a repentaglio i raccolti.

Sono già moltissimi gli studi che guardano con preoccupazione ai cambiamenti climatici che avverranno nei prossimi anni. Uno di questi ha provato a capire come il riscaldamento globale avrà effetti sulle coltivazioni e sul raccolto – che aumenteranno in alcune parti del mondo e diminuiranno in altre. I paesi situati nell’emisfero settentrionale (in particolare Europa, Cina ed est degli Stati Uniti) diventeranno sempre più vulnerabili ai cambiamenti climatici: al contrario in paesi come Brasile, India e nel Sud-Est asiatico si assisterà a un declino degli agenti patogeni che attaccano le colture.

Attualmente sono molti gli agenti patogeni che attaccano le colture indiane (soprattutto riso, cocco e mango), ma i risultati di questo studio dimostrano che ci sarà una progressiva diminuzione della loro virulenza proprio a causa dell’innalzamento delle temperature, che renderà loro la vita impossibile. Ogni agente patogeno ha bisogno di alcune condizioni (geografiche, climatiche, stagionali) ideali che gli permettono di ‘attaccarsi’ a una specifica coltura. Quando il clima cambia, queste condizioni ideali vengono a mancare. Tuttavia, l’aumento delle temperature porterà anche danni alle colture, provocandone la fine.

(Leggi anche: Presto potremmo non avere più banane, la crisi climatica fa esplodere fungo che devasta le colture)

I ricercatori indiani hanno osservato ottanta agenti patogeni fungali e oomiceti, e hanno comparato le condizioni climatiche attuali (2011-2030) con le previsioni fatte per il futuro (2061-2080), utilizzando quattro modelli climatici globali e notando le differenze fra i due scenari: è emerso cambiare il mix patogeno ha effetti negativi in qualsiasi luogo del mondo – non solo nei paesi che maggiormente soffriranno il caldo (come appunto l’India) ma anche in paesi ‘occidentali’ (come il Regno Unito).

L’agricoltura deve avere il tempo di pianificare e prepararsi per il futuro, e il futuro è praticamente già qui – spiegano gli autori. – Abbiamo solo pochi decenni ancora, mentre un adattamento delle colture a nuovi climi e a nuove minacce può richiedere un lungo tempo. Per questo dobbiamo pensare a difendere le colture da agenti patogeni che non sono ancora arrivati: molti di questi, soprattutto quelli che ora si trovano nelle aree tropicali del pianeta, non sono stati ancora opportunamente studiati. Abbiamo bisogno di investire tempo e risorse per conoscere meglio queste patologie, se vogliamo provare a salvare i raccolti in tutto il mondo.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonte: Nature Climate Change

Ti consigliamo anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook