Il cambiamento climatico sta uccidendo i cuccioli di pinguino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Essere un cucciolo di pinguino nell’era delle emissioni incontrollate e del global warming non è affatto facile. Per sopravvivere, i pulcini non devono fuggire solo le fauci dei predatori o di altri esemplari rivalii, ma anche il cambiamento climatico, che sta uccidendo i pulcini della più grande colonia al mondo di pinguini di Magellano.

Lo sta facendo non solo indirettamente, privandoli del cibo, come è stato più volte documentato per questi ed altri uccelli marini, ma direttamente, facendoli perire sotto terribili temporali o eccezionali ondate di calore. Lo hanno dimostrato in un nuovo studio su PLoS ONE i ricercatori della University of Washington.

Troppo grandi perché i genitori possano sedersi sopra e proteggerli, ma ancora troppo giovani per aver piume impermeabili, i pulcini esposti alla pioggia battente possono morire di ipotermia, nonostante i migliori sforzi dei loro genitori. E durante il calore estremo, i pulcini senza impermeabilizzazione non possono fare un tuffo nelle acque per raffreddarsi e ristabilire la temperatura, come fanno gli adulti.

Il team di ricercatori, che ha monitorato i pinguini dal 1980, sostiene che queste sollecitazioni ambientali in netto peggioramento possano decimare la popolazione dei nuovi nati. Hanno raggiunto questa triste conclusione triste dopo aver studiato i modelli climatici e le popolazioni della fauna selvatica vicino a Punta Tombo , la patria di circa 400.000 pinguini di Magellano sulla costa argentina.

pinguini baby

Essi hanno rilevato che la quantità di precipitazioni e il numero di tempeste è aumentata negli ultimi decenni durante la stagione di riproduzione dei pinguini. Certo, i cambiamenti climatici non sono il killer numero 1 dei giovani pinguini, ma è probabile che i numeri dei morti salgano nei prossimi anni. Come spiegano i ricercatori :

“Durante un arco di tempo di 27 anni, una media del 65 per cento dei pulcini è morto ogni anno, di cui circa il 40 per cento è deceduto per fame. Il cambiamento climatico, una causa di morte pulcino relativamente nuova, ha ucciso una media del 7 per cento di pulcini all’anno, ma ci sono stati anni in cui è stata la causa più comune di morte, uccidendo 43 per cento di tutti i pulcini di un anno e una buona metà in un altro”.

Cosa accadrà se il cambiamento climatico renderà le tempeste sempre più grandi e i periodi di caldo senpre più intensi?

Roberta Ragni

LEGGI ANCHE:

Cambiamenti climatici: il riscaldamento globale rimpicciolisce animali e piante

Cambiamenti climatici: il riscaldamento globale influenza la migrazione degli uccelli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook