Inquinamento marino: pesci pagliaccio a rischio di estinzione per via delle emissioni

nemo

Povero pesciolino Nemo! L’acidificazione delle acque causata dall’aumento dell’anidride carbonica nell’atmosfera starebbe provocando gravi danni alla sua specie. Lo ha scoperto uno studio britannico, pubblicato sulla rivista Biology Letters.

Secondo gli esperti della Scuola di Scienze Biologiche dell’Università di Bristol, il PH delle acque degli oceani starebbe diventando sempre più acido. La conseguenza diretta per questi poveri animali è una: la sordità.

In tal modo, se ne decreterebbe la fine, visto che, l’impossibilità di avvertire l’avvicinamento dei predatori e dunque il disorientamento porterebbero il pesce pagliaccio, la specie di pesce portata alla ribalta dalla Disney, a non essere in grado di difendersi.

Steve Simpson, uno dei principali autori della ricerca ha spiegato: Evitare le barriere coralline nel corso della giornata è un comportamento tipico dei pesci in mare aperto. Lo fanno attraverso il monitoraggio dei suoni degli animali sulla barriera, la maggior parte dei quali sono predatori di qualcosa di solo un centimetro di lunghezza. Ma i suoni sono importanti anche per il rilevamento del compagno, per la caccia ed il foraggiamento, quindi se una o tutte queste capacità non ci sono più, il pesce si può estinguere”.

E allora, la ricerca di Nemo, potrebbe diventare davvero ardua.

Francesca Mancuso

Schar

Il pane senza glutine: tipi di pane e cereali utilizzati

San Benedetto

Cosa vuol dire compensare la CO₂: la linea Ecogreen di San Benedetto

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

Triumph

Come riciclare i reggiseni e gli abiti usati

Germinal Bio

#Bionest la nuova campagna Germinal Bio che mostra il dietro le quinte del biologico

Decathlon

Hai una bici usata? Torna Trocathlon dove puoi acquistare e vendere l’attrezzatura sportiva

tuvali
seguici su Facebook