I pesci “bodyguard” che proteggono i loro coralli da un’alga tossica infestante

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il pesce “bodyguard” che risponde ai “segnali d’allarme” lanciati dai coralli sotto attacco di alcune alghe tossiche. Lo hanno scoperto i ricercatori del Georgia Institute of Technology con uno studio, pubblicato questa settimana sulla rivista Science, condotto sul corallo Acropora Nasuta delle Isole Fiji, che è stato esposto a una specie di alga chimicamente tossica, la Chlorodesmis fastigiata.

La ricerca, che aveva come obiettivo la comprensione di ecosistemi fortemente minacciati come le barriere coralline per riuscire a tutelarli, ha scoperto che alcuni gobidi, meglio noti come ghiozzi, intervengono a protezione del proprio corallo quando questo è attaccato da minacce come le alghe infestanti. Appena pochi minuti dopo il contatto tra queste e il corallo, infatti, vari esemplari di due specie di ghiozzi, Gobiodon histrio e Paragobiodon enchinocephalus, sono arrivati e hanno iniziato a rimuovere ordinatamente l’alga, mangiandola o staccandola.

Come dei “bodyguard” provetti, avevano risposto all’allarme, probabilmente inviato tramite il rilascio di sostanze chimiche nell’acqua, lanciato dai coralli, che sarebbero rapidamente morti per mano dell’alga se i pesci-soccorritori non fossero intervenuti prontamente. Questo rapporto simbiotico di mutuo soccorso, con il pesce che in cambio riceve protezione, è simile al rapporto simbiotico-mutualistico tra gli alberi di acacia e le formiche che ricevono cibo e riparo, proteggendoli da concorrenti e predatori.

pescibodyguard

Questi piccoli pesci sono comparsi per tagliare via le alghe senza toccare i coralli. Ciò avviene molto rapidamente, il che significa che deve essere un processo molto importante sia per il corallo che per il pesce: il corallo rilascia una sostanza chimica e il pesce risponde immediatamente“, ha spiegato in una nota Mark Hay, professore di biologia del Georgia Institute of Technology .

I test hanno dimostrato che nei coralli che convivono insieme ai Gobidi, la quantità di danni provocata dalle alghe diminuisce dal 70 all’80% in soli tre giorni, mentre la quantità di alghe dannose diminuisce del 30%. Un supporto importante per la barriera corallina, che in appena 27 anni si è addirittura dimezzata e corre il rischio di scomparire per sempre con conseguenze catastrofiche per la Terra.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Australia: la più grande riserva marina per proteggere la barriera corallina

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook