Pando, stiamo uccidendo uno dei più grandi organismi viventi del pianeta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Pando, uno dei più grandi organismi viventi del pianeta sta morendo per colpa dell’uomo

Una foresta formata da 40.000 alberi geneticamente identici, i pioppi tremuli, rischia di sparire a causa dell’uomo. Per la prima volta gli scienziati hanno osservato l’impatto di 72 anni di sviluppo umano nel territorio attraverso le foto aeree.

E i risultati mostrano decenni di deterioramento. Pando si trova nell’Utah centro-meridionale ed è uno degli organismi viventi più grandi e antichi del mondo. Il problema è che non si sta rigenerando.

I pioppi tremuli (Populus tremuloides) sono alberi davvero particolari. Di solito si riproducono asessualmente attraverso un sistema di radici sotterranee. Ogni radice appartiene a quell’unico sistema e i boschetti di pioppi sono colonie clonali di gambi geneticamente identici.

Pando pesa circa 5,9 milioni di kg e copre una superficie di 43 ettari di terreno nella Fishlake National Forest dello Utah. Nonostante la sua imponenza e la maestosità, sta correndo un serio pericolo. Negli ultimi 30-40 anni, non ha prodotto abbastanza steli giovani da sostituire la vecchia crescita. Inoltre, gli animali al pascolo li mangiano più velocemente di quanto possano crescere.

E l’uomo ha una grossa responsabilità. In parte sapevamo che schermare la foresta per proteggerla dagli animali l’avrebbe aiutata. Un primo progetto, volto a recintarne una partem non ha avuto seguito limitando la capacità di Pando di rigenerarsi.

“Anche se Pando probabilmente esiste da migliaia di anni, non abbiamo alcun metodo per sapere con certezza la sua età. Ora il tempo sta scadendo. Non possiamo gestire in modo indipendente la fauna selvatica e le foresteha detto l’ecologista Paul Rogers della Western Aspen Alliance e della Utah State University.

Non è tutto. Lo studio, per la prima volta, ha mostrato l’impatto di 72 anni di sviluppo umano nel territorio di Pando attraverso le foto aeree. Anche se l’organismo si sta riprendendo in alcune parti, le regioni bonificate dagli esseri umani per le case e i campeggi continuano a essere deforestate.

pando foto aerea

E l’uomo è anche responsabile della maggiore presenza di cervi, la cui popolazione è cresciuta costantemente nello Utah, in parte a causa della soppressione dei loro predatori natural come lupi e orsi.

“Questo modello alterato coincide grosso modo con la nostra sequenza fotografica di 72 anni, quando sono aumentati il traffico stradale, lo sviluppo di case e di campeggi” prosegue Rogers.

Secondo gli scienziati, ciò di cui la foresta ha bisogno è un po’ di tempo per permettere alla nuova crescita di raggiungere un livello di robustezza tale da sopravvivere al pascolo dei cervi.

Le opzioni includono la recinzione temporanea, ma anche una misura più drastica che prevede l’accesso temporaneo ai cacciatori professionisti per ridurre il numero di cervi.

Un patrimonio di biodiversità da tutelare, una foresta iconica che sta scomparendo a vista d’occhio per colpa nostra.

La ricerca è stata pubblicata su PLOS One.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto cover: Intermountain Forest Service USDA

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook