Il panda gigante della Cina è salvo!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lunga vita al panda gigante. Il simpatico animale, da tempo a rischio estinzione, vedrà tutelate le foreste in cui vive. Greenpeace infatti ha portato avanti una battaglia, giunta finalmente al termine, per tutelare l’habitat naturale di queste creature, minacciate dal disboscamento.

Dopo una serie di denunce sul taglio illegale delle foreste di Sichuan in Cina, l’associazione ha ottenuto giustizia. Per accertare i tagli illegali, sono stati necessari due anni di indagini sul campo, queste ultime correlate da telerilevamento e analisi delle mappe satellitari.

Finalmente, l’Ufficio delle Foreste del Sichuan ha accolto le denunce da parte di Greenpeace, aprendo 15 indagini giudiziarie e 8 procedimenti amministrativi nei confronti di 22 funzionari pubblici. E, aspetto altrettanto importante, l’Ufficio ha assicurato che tutelerà l’habitat del panda, già dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Un primo importante passo per tendere una mano al panda, che secondo la Zoological Society of London, in base a criteri di unicità evolutiva e di esiguità della popolazione, è una delle 100 specie di mammiferi a maggiore rischio di estinzione.

In particolare, il panda gigante che vive nelle foreste di Sichuan è minacciato dall‘impoverimento del suo habitat e da un tasso di natalità molto basso. La tutela della sua casa e la promessa di fare giustizia per contrastare i tagli illegale sono già un segnale positivo, che per Greenpeace potrebbe costituire il primo passo per una riforma a base nazionale. Un terzo delle foreste cinesi infatti è a rischio a causa di carenze normative.

“Una scappatoia nel ‘Regolamento tecnico per la ricostruzione delle foreste a basso rendimento’ infatti autorizza a sostituire la foresta con piantagioni più redditizie in nome di una presunta ‘rigenerazione forestale’. Abbiamo chiesto a Pechino di sanare al più presto questa falla, e continueremo a monitorare la situazione affinché la protezione di queste aree non resti solo sulla carta!” fa sapere l’associazione.

Almeno per il momento, il panda può tirare un sospiro di sollievo.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

PANDA, TIGRI E RINOCERONTI: ALLARME ESTINZIONE ENTRO IL 2050

IL FONT COL PANDA DA USARE O STAMPARE PER… UNA GIUSTA CAUSA!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook