Orsi polari costretti a cambiare dieta per i cambiamenti climatici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli orsi polari sono sempre più costretti a recarsi sulla terraferma a causa della perdita di ghiaccio marino. Qui cercano cibo come bacche, uccelli e uova,/strong ma si tratta d cibi destinati solo a pochi individui e probabilmente non in grado di compensare la perdita della loro dieta tradizionalericca di lipidi.

È quanto rivela uno studio dell’U.S. Geological Survey.

“Anche se alcuni orsi polari possono mangiare cibi terrestri, non ci sono prove che questo comportamento sia molto diffuso”, ha detto il dottor Karyn Rode, autore principale dello studio e scienziato dell’USGS. “Nelle regioni in cui è stata documentata l’alimentazione terrestre degli orsi polari, le condizione fisiche e di tassi di sopravvivenza degli orsi polari sono diminuite”.

Gli autori hanno pubblicato i loro risultati su Frontiers in Ecology and the Environment. Gli scienziati hanno notato che questi habitat terrestri sono già occupati dagli orsi grizzly. Sono tra gli animali più piccoli della loro specie proprio a causa della bassa qualità del cibo e della sua scarsa disponibilità.

“La dimensione e la bassa densità di popolazione degli orsi grizzly nell’Artico fornisce una chiara indicazione dei limiti nutrizionali della dieta terrestre per sostenere i grandi orsi polari in numeri significativi”, aggiunge il ricercatore.

polar

Lo studio ha rilevato che meno di 30 orsi polari sono stati osservati mentre consumavano uova di uccello. Tuttavia, questo comportamento non è ancora comune ed è improbabile che abbia un impatto sulla condizione fisica e sulla sopravvivenza dell’intera popolazione della specie.

Resta il fatto che pochi alimenti sono energeticamente validi come le prede marine. E molti orsi polari moriranno di stenti e fame a causa dei cambiamenti climatici che sciolgono il loro regno di ghicaccio.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Polar Bear Day: oggi è la Giornata internazionale dell’orso polare

Orsi polari: quasi dimezzati in Alaska ma qual è la situazione nel resto del mondo?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook