Olio di palma: in Francia una nuova tassa per proteggere gli animali e le foreste

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Francia ha introdotto una nuova tassa sull’olio di palma per proteggere gli animali e le foreste. La nuove decisione colpisce l’olio di palma importato dall’Indonesia e dalla Malesia, dove la deforestazione sta inquinando e deturpando l’ambiente ormai da anni.

L’Assemblea Nazionale francese ha deciso di imporre una tassa sull’olio di palma importato da Indonesia e Malesia pari a 30 euro a tonnellata per il 2016 e che aumenterà e 90 euro a tonnellata nel 2020.

L’introduzione della nuova tassa fa parte di un progetto più ampio, una vera e propria Legge sulla Biodiversità, che dovrà ricevere l’approvazione ufficiale tra maggio e giugno. Con la tassa sull’olio di palma la Francia prende posizione in modo deciso a favore del rispetto dell’ambiente e a sfavore dei Paesi produttori.

Rendere più difficoltosa e costosa l’importazione di olio di palma potrebbe condurre ad un calo del suo impiego da parte delle aziende e in un incremento delle soluzioni innovative in grado di sostituirlo come ingrediente alimentare o per la produzione di detersivi, detergenti e biocarburanti.

L’olio di palma è un ingrediente economico e versatile presente in almeno la metà dei prodotti comunemente in vendita nei supermercati come olio vegetale. Le aziende lo utilizzano in abbondanza per comodità e per risparmiare, ma non tengono conto del suo grave impatto ambientale.

La sua produzione negli ultimi anni è cresciuta ed è diventata sempre più insostenibile portando alla distruzione delle foreste originarie e alla scomparsa degli habitat naturali di animali già a rischio di estinzione, come le tigri e gli oranghi.

Inoltre i numerosi incendi appiccati per fare spazio alle piantagioni di palme da olio stanno avvelenando l’ambiente e intossicando le popolazioni locali.

La distruzione delle foreste in Indonesia e Malesia è alimentata da un mercato in cui negli ultimi decenni sono aumentate le richieste e di conseguenza la produzione di prodotti da forno industriali, snack dolci e salati, detersivi, cosmetici e altre decine di prodotti alimentari e non che contengono olio di palma.

Pensate che introdurre una tassa sull’olio di palma potrebbe essere utile anche in Italia e in Europa per ridurre l’utilizzo di questo ingrediente sempre più discusso?

Marta Albè

Leggi anche:

frecciaOLIO DI PALMA: PERCHÉ È DANNOSO PER LA SALUTE E PER L’AMBIENTE

frecciaOLIO DI PALMA: LE MULTINAZIONALI DA BOICOTTARE E TUTTA LA VERITÀ SULLA CAMPAGNA PUBBLICITARIA DELLE LOBBY

frecciaNUTELLA, NEMICA DELLA FRANCIA. ARRIVA LA TASSA SULL’OLIO DI PALMA

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook