Scoperta nuova popolazione di balenottere azzurre nell’Oceano Indiano, identificata grazie al canto unico

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una nuova popolazione di balenottere azzurre di cui si ignorava la presenza è stata scoperta di recente nell’Oceano Indiano nord-occidentale. Il gruppo di mammiferi è stato individuato grazie al loro canto, registrato dai ricercatori in tre diverse località: l’arcipelago di Chagos, il Madagascar e la costa del Mar Arabico dell’Oman.

Fino a oggi si riteneva che le balenottere blu (Balaenoptera musculus) nell’Oceano Indiano fossero rappresentate da due o tre sottospecie raggruppate in quattro popolazioni, ognuna caratterizzata da un proprio canto. Di recente però, un canto mai ascoltato prima è stato raccolto durante lo studio su un’altra specie di cetacei nel Canale del Mozambico, al largo della costa del Madagascar.

Successivamente, i biologi si sono resi conto di aver registrato lo stesso canto nell’arcipelago di Chagos e hanno concluso che la popolazione di balene rilevata trascorra la maggior parte del suo tempo nell’Oceano Indiano nord-occidentale, nel Mar Arabico e ad ovest delle isole Chagos.

Canto balene

I ricercatori ritengono che il gruppo di balene potrebbe addirittura rappresentare una sottospecie nuova e rara, anziché semplicemente una popolazione isolata dalle altre.

“È stato davvero straordinario scoprire un canto di balene completamente unico, mai riportato prima, e riconoscerlo come appartenente alla balenottera azzurra”, ha dichiarato Salvatore Cerchio dell’African Aquatic Conservation Fund e autore dello studio.

A causa della caccia, le balenottere azzurre sono arrivate molto vicine all’estinzione nel XX secolo e solo negli ultimi decenni, in seguito alla moratoria globale sulla caccia commerciale alle balene, hanno iniziato a riprendersi lentamente.

“Prima del nostro lavoro di registrazione al largo dell’Oman, non c’erano dati acustici dal Mar Arabico, quindi l’identità di quella popolazione di balenottere azzurre era inizialmente solo una supposizione”, ha spiegato Andrew Willson di Five Oceans Environmental Services.

Fonte di riferimento: Inter-Research Science Publisher

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook