Il Mar Morto è a corto d’acqua. Si sta completamente prosciugando (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per molto tempo il Mar Morto ha rappresentato un’attrazione turistica molto rinomata ma ora esiste grande preoccupazione per le sue sorti: si sta trasformano in una zona desertica e l’acqua sta scomparendo.

Lo stesso destino riguarda il lago Urmia, il famoso lago rosa dell’Iran che sta scomparendo a causa dei cambiamenti climatici e che è ormai conosciuto, proprio per questo motivo, come Mar Morto dell’Iran.

Leggi anche: LAGO URMIA, IL MERAVIGLIOSO LAGO ROSA CHE STA SCOMPARENDO A CAUSA DELL’UOMO (FOTO)

Il Mar Morto è un mare chiuso – più propriamente un lago – che si trova nel vicino Oriente tra Israele e Giordania. È situato nella depressione più profonda della Terra che si è generata secolo dopo secolo per effetto dell’evaporazione delle sue acque. Le acque dei suoi affluenti non riescono a compensare l’evaporazione e ciò è tra le cause sia della sua salinità che della sua progressiva scomparsa.

La preoccupazione maggiore oggi riguarda il bacino inferiore del Mar Morto che non ha mai superato i 2 metri di profondità e che oggi è quasi prosciugato tanto che ormai per questo tratto del grande lago si parla di una zona quasi desertica. Il bacino superiore del Mar Morto, invece, ha una profondità più elevata.

Leggi anche: ECCO COME ABBIAMO DISTRUTTO LA TERRA NEGLI ULTIMI 30 ANNI (PRIMA E DOPO)

Secondo gli esperti il Mar Morto è purtroppo destinato gradualmente a scomparire per via del bilancio negativo tra evaporazione e acqua immessa. I cambiamenti climatici e il riscaldamento globale stanno portando ad un innalzamento delle temperature che sta favorendo l’evaporazione.

A causa dei cambiamenti climatici, da vent’anni a questa parte i livelli delle acque del Mar Morto e del lago Urmia sono fortemente diminuiti e ci si attende che purtroppo la situazione progredisca in questo senso.

mar morto 1
mar morto 2

Photo Credits

Dal 1977 il lago Urmia fa parte della Riserva della Biosfera dell’Unesco ma i Governi locali – anche a causa delle forti tensioni politiche presenti in questa zona – non intervengono a favore di questo ecosistema unico per il Pianeta.

lago urmia 1
lago urmia 2
lago urmia 3

La siccità sta causando tempeste di sale che vanno a distruggere i campi coltivati e gli agricoltori sono costretti a migrare per trovare nuove terre fertili. Esistono anche conseguenze per la salute delle popolazione locale in Iran, tra malattie respiratorie e pressione alta a causa dell’elevata salinità dell’aria che tra l’altro nemmeno in questi luoghi è esente dall’inquinamento.

È una storia che si ripete anche per il Lago Hamun, a sud-est dell’Iran (al confine con l’Afganistan).

La terribile siccità del 2012 in questa zona ha costretto oltre 600 mila persone a spostarsi verso Nord in cerca di rifugio.

Marta Albè

Fonte foto: Nasa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook