Lontra giapponese addio! Siufficialmente estinta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Addio lontra giapponese. Una volta viveva lungo i fiumi di tutto il Giappone, nutrendosi di pesci, granchi, gamberi, coleotteri e patate dolci, ma ormai sono 30 anni che non se ne avvista più nemmeno un esemplare. Da oggi è stata dichiarata ufficialmente estinta dal Ministro dell’Ambiente Goshi Hosono, sterminata dalla perdita di habitat indotta dall’agricoltura e dall’eccessiva caccia per la sua pelliccia.

Gli ultimi esemplari erano stati avvistati nel 1979 lungo le rive del fiume Shinjo a Susaki, nella prefettura di Kochi, quando la specie era già classificata nella lista rossa dei mammiferi più a rischio estinzione in Giappone. Con gli anni le speranze che riuscisse a sopravvivere si sono sempre più affievolite e ora questi sfortunati mustelidi, vittime dell’arroganza umana, sono i primi mammiferi, dal 1925, a essere dichiarati estinti nello stato asiatico. Prima di loro, 2 specie di pipistrelli giapponese e 2 specie di lupi si estinsero nell’era Meija (1868-1912).

Speranze dopo la dichiarazione di estinzione? I verbali delle ispezioni ufficiali del Ministero dell’Ambiente, spiega il giornale Revmodo, indicano che questa lontra è scomparsa dall’isola settentrionale di Hokkaido nel 1950 e dall’isola di Honshu nel 1960. Eppure nel marzo 1992, i ricercatori che si stavano occupando delle sue ricerche hanno trovato peli e escrementi provenienti proprio da una lontra, forse l’ultima testimonianza ufficiale di una lontra giapponese superstite.

Per questo Yoshihiko Machida, professore emerito presso l’Università di Kochi, non è ancora pronto a far suonare le campane a morte per le lontre giapponesi. “Penso che sia possibile che ancora esistano e voglio continuare le mie indagini“, ha detto in risposta alla dichiarazione di estinzione della lontra. E la speranza, si sa, è l’ ultima a morire.

Roberta Ragni

Leggi anche Biodiversità: estinto in Vietnam il rinoceronte di Giava

Leggi anche: Le specie animali in via d’estinzione da vedere prima che scompaiano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook