Il meraviglioso leopardo delle nevi sta per estinguersi (anche per colpa dei cambiamenti climatici)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il leopardo delle nevi rischia l’estinzione e la colpa è, manco a dirlo, dei cambiamenti climatici. Così, anche se i monaci tibetani ce la mettono tutta per rispettare e tutelare quegli animali, il quadro non è propriamente roseo. Oggi si celebra l’International Snow Leopard Day.

La Giornata Internazionale del leopardo delle nevi è stata istituita nel 2014 per sensibilizzare l’opinione pubblica sul dramma di questa specie iconica ormai ridotta allo stremo. Tante sono le cause, dal deterioramento e dalla perdita del suo habitat al bracconaggio e al conflitto con le comunità locali.

Oggi sul pianeta restano appena 4.000 esemplari, distribuiti in un areale ridotto e frammentato tra le alte montagne di Afghanistan, Bhutan, Cina, India, Kazakistan, Kyrgyzstan, Mongolia, Nepal, Pakistan, Russia, Tajikistan e Uzbekistan.

Anche i cambiamenti climatici stanno facendo la loro parte alterando gli ecosistemi d’alta quota, habitat privilegiati del leopardo delle nevi. In occasione della Giornata Internazionale del leopardo delle nevi, il WWF ha fatto sapere che uno studio della Berkeley University, pubblicato su Biological Conservation, ha stimato che entro il 2070 solo un terzo dell’areale del felino tibetano potrebbe resistere agli effetti del riscaldamento globale.  Secondo la ricerca, nei prossimi decenni è previsto un calo della popolazione dell’82% in Nepal e dell’85% in Bhutan.

La popolazione dei leopardi delle nevi, infatti, si è ridotta del 20% negli ultimi 16 anni ed è per questo che nel rapporto “Fragile connections – Snow leopards, people, water and the global climate” diffuso dal WWF si auspica un’azione internazionale che sia in grado di difendere dai cambiamenti climatici gli habitat montani himalayani, che forniscono acqua a centinaia di milioni di persone in tutta l’Asia.

Ma, se il cambiamento climatico non dovesse essere fermato, più di un terzo dell’habitat dei leopardi delle nevi verrebbe compromesso entro i prossimi 50 anni. Le temperature sempre più elevate, infatti, possono spostare verso maggiori altitudini il limite degli alberi e consentire all’uomo di coltivare e di allevare bestiame sempre più in alto, costringendo i leopardi delle nevi a rifugiarsi in zone sempre più strette e frammentate.

leopardo nevi 2

“Occorre un intervento urgente per frenare i cambiamenti climatici e prevenire un ulteriore degrado dell’habitat del leopardo delle nevi, altrimenti questo straordinario felino definito il ‘fantasma delle montagne’ potrebbe scomparire, insieme con le riserve d’acqua che sono vitali per centinaia di milioni di persone”, ha detto Rishi Kumar Sharma, Leader del programma sul leopardo delle nevi del WWF, che sta coordinando la prima strategia globale mai realizzata dal WWF per la conservazione della specie.

Del leopardo delle nevi – inserito dall’IUCN (Unione Mondiale della Conservazione della Natura) nella categoria “Endangered” della Lista Rossa delle specie minacciaterestano soltanto 4mila esemplari. Il cambiamento climatico, che aggrava minacce come la perdita dell’habitat o i conflitti con le comunità, potrebbe spingere la specie oltre la soglia dell’estinzione, al pari di altre specie come gli orsi polari, i pinguini di Adelia, i trichechi, le pernici bianche, i fenicotteri andini. habitat leopardo nevi

leopardo nevi 3

CLIMA E NON SOLO – Il leopardo delle nevi è purtroppo minacciato anche dal bracconaggio, che alimenta il commercio illegale, e dalle uccisioni da parte di pastori “in segno di ritorsione a causa della perdita di animali d’allevamento e il calo di prede naturali”, riferisce Sami Tornikoski, leader dell’Iniziativa globale del WWF Living Himalayas.

Clima e uomini, insomma, un vero problema per questi e mille altri animali. Due anni fa, i dodici paesi dell’area in cui è presente il leopardo delle nevi hanno firmato a Bishkek un accordo globale, lo Snow Leopard and Ecosystem Protection Program, per impegnarsi per la conservazione della specie e per una nuova era di collaborazione tra governi, organizzazioni internazionali e gruppi della società civile.

Ma, se tutto il globo non affronta i cambiamenti climatici in modo drastico, il cerchio si chiuderà soltanto con la disastrosa estinzione di specie così rare.

Fonte di riferimento: Berkeley University, WWF

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook