In Pakistan c’è un albero arrestato più di 120 anni fa e che, ancora oggi, è in catene

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Pakistan c’è un albero di banyan molto particolare che viene tenuto incatenato come se, da un momento all’altro, ci fosse la possibilità che esso possa fuggire. Un cartello appeso tra i rami porta la scritta: “Io sono in stato di arresto”.

Ma perché in arresto? Secondo i racconti tramandati, nel 1898 un ufficiale dell’esercito britannico di nome James Squid, sotto l’influenza dell’alcol, aveva pensato che l’albero si stesse muovendo verso di lui per fargli del male. Sentendosi minacciato, Squid aveva ordinato al sergente di arrestarlo e da quel momento in poi l’albero è rimasto incatenato.

albero arrestato

albero arrestato1

albero arrestato2

Gli abitanti del posto, però, vedono l’albero come l’allegoria delle leggi promulgate dagli inglesi durante il dominio coloniale, una sorta di monito per ricordare che se le tribù avrebbero agito contro il Raj sarebbero state punite allo stesso modo.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook