Il lago nel cuore di Roma simbolo della natura che vince sul cemento

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lo avreste mai detto? A due passi da largo Preneste, in mezzo ai palazzi e al cemento di Roma, esiste un lago di oltre 4.000 metri quadrati che dovrebbe essere patrimonio di tutti, ma che è ancora in mano agli affaristi, che lo vogliono negare ai cittadini. Anche per questo in pochi conoscono questo specchio d’acqua limpida, immerso nel verde di una natura che si è ripresa il suo spazio sulle speculazioni edilizie.

Un luogo meraviglioso e inaspettato, che rischia però di essere cancellato. Se entro il 14 agosto il Comune non trasformerà l’esproprio del 2004 in Parco Pubblico, infatti, l’area potrebbe tornare nelle mani del vecchio proprietario, che non ha mai fatto mistero delle sue intenzioni di lucrare, con un centro commerciale prima, un mega-impianto di nuoto e albergo dopo e oggi quattro grattacieli.

È questo il destino di questo lago, che oggi è più che mai vivo, popolato di pesci e libellule, fonte di ristoro di germani reali e habitat di una tipica flora lacustre?

lago

lago3snia

lago2snia

C’è chi lotta da mesi lotta per impedire tutto questo. E per fare in modo che una delle zone più densamente abitate di Roma possa avere un polmone verde che produca ossigeno. L’ultima chiamata è venerdì 25 luglio, ore 18 casa del parco, in Via Prensetina 175, per un’assemblea pubblica dove progettare e definire l’avvio dei lavori.

Abbiamo riaperto l’area, l’abbiamo pulita e organizzato una discesa sicura per grandi e piccoli, abbiamo immaginato cosa può essere un lago nel cuore della città! Ci siamo riappropriati temporaneamente di quel che vogliamo. Vogliamo che tutta l’area a ridosso di Largo Preneste sia espropriata e divenga un parco pubblico. Ci siamo sempre opposti alla cementificazione dell’ex SNIA, opere che servono solo agli approfittatori. Ieri come oggi non passeranno!”, spiegano dal Centro Sociale CSOA eXSnia.

lago4

Oggi ad aiutarli, oltre a centinaia e centinaia di abitanti del quartiere, c’è anche la musica. Assalti Frontali e Muro del Canto si sono ispirati proprio alla storia del lago nell’area ex Snia a Roma per scrivere un brano folk-rap denso di storia e di significati, che contribuisce a dare voce alle mobilitazioni di questi mesi e idealmente a tutti coloro che lottano per liberare le città dalla speculazione.

“Parco subito, lago per tutti e cemento per nessuno!” risuona per le strade ormai da dieci anni. Il messaggio è chiaro: speculatori, palazzinari, politicanti non è più tempo per voi, il laghetto è un altro pezzo del parco che i cittadini vogliono riprendersi. Il Comune di Roma li ascolterà? Salverà l’unico lago di acqua sorgiva della Capitale?

In mezzo ai mostri de cemento st’acqua mò riflette er cielo

È la natura che combatte, e sto quartiere è meno nero

In mezzo ai mostri de cemento il lago è ‘n sogno che s’avvera

È la natura che resiste, stanotte Roma è meno nera

Per firmare la petizione diretta al Sindaco di Roma Ignazio Marino clicca qui

Per maggiori informazioni clicca qui

Roberta Ragni

Fonte foto: http://lagoexsnia.wordpress.com/gallery/

Leggi anche:

Shimshal Lake: il lago a forma di cuore

I 15 laghi più belli e suggestivi d’Europa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook