Le immagini della forza della natura che rinasce. Germogli e nuove piante nelle aree devastate dagli incendi

Dallo scorso autunno ad oggi, le fiamme divampate nell’Australia meridionale hanno distrutto circa otto milioni di ettari di terreni. Gli incendi, innescati in parte da fulmini e in parte dall’uomo, si sono diffusi nelle praterie semi aride e nelle foreste di eucalipti, carbonizzando completamente la vegetazione.

La natura però è in grado di rigenerarsi e di “risorgere dalle proprie ceneri” ed è capace di riprendersi in tempi molto più brevi di quanto immaginiamo.

Già ora, mentre i roghi continuano a interessare la zona, le piante stanno reagendo emettendo nuove foglie e rami, come testimoniano le numerose immagini diffuse online dai residenti.

Oltre alle immagini strazianti che mostrano un ambiente completamente devastato, dall’Australia arrivano anche fotografie piene di speranza, in cui si percepiscono la forza e la determinazione della natura.

Murray Lowe ha scattato diverse fotografie nell’area di Kulnura sulla costa centrale australiana. Dopo la pubblicazione, le immagini sono diventate virali e l’autore, stupito da tanto interesse, ha colto l’occasione di questa inaspettata popolarità e ha deciso di vendere le fotografie per destinare i proventi a chi ha avuto danni a causa degli incendi.

Le piante, che noi percepiamo come inermi e indifese, sono in realtà esseri straordinari, capaci di reagire all’ambiente esterno, difendersi e adottare strategie di sopravvivenza incredibili.

Pensate che le piante possono perdere fino al 90% della propria biomassa per poi rinascere da quel “misero” 10% che è sopravvissuto: qualcosa di impensabile, se applicato a noi esseri umani o agli animali.

In secondo luogo, alcune specie sono talmente evolute da riuscire a resistere alle fiamme e a trarre addirittura benefici dagli incendi, tanto da favorirli grazie alla produzione di resine e oli combustibili.

Queste specie hanno sviluppato semi ignifughi e  vedono nel fuoco un vantaggio, poiché gli incendi distruggono la concorrenza e creano nuovi spazi liberi da colonizzare.

Senza nulla togliere all’immensa gravità degli incendi australiani, la forza della natura rappresenta comunque una speranza: una volta spente le fiamme, la vegetazione sarà in grado di rigenerarsi.

Molto probabilmente in futuro il paesaggio di queste aree sarà diverso da com’era prima degli incendi, ma tornerà a popolarsi di specie vegetali rigogliose, anche se ci vorrà tempo.

Tutti i nostri articoli sugli incendi in Australia

Leggi anche:

Foto cover: Murray Lowe, Facebook

Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook