Jane Goodall abbraccia la tecnologia per salvare le foreste della Tanzania

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A 82 anni Jane Goodall continua la sua missione di voler salvare il mondo. La celebre etologa e antropologa ha presentato, infatti, un nuovo progetto per la mappatura delle foreste delle Tanzania che sfrutta la tecnologia e dispositivi all’avanguardia con lo scopo di salvare il pianeta.

Conosciuta soprattutto per i suoi studi pioneristici sul comportamento scimpanze, l’attivista Goodall è stata la prima a dare nomi propri alle scimmie e colei che ha capito quanto questi animali, in alcune azioni, rispecchiassero il genere umano.

Adesso, anche grazie all’aiuto di strumenti sofisticati, le sue ricerche si concentrano sulle foreste della Tanzania, per mostrare al resto del mondo come purtroppo sono cambiate in peggio, negli ultimi decenni.

LEGGI anche: 10 FRASI DI JANE GOODALL CHE CI INSEGNANO A RISPETTARE L’AMBIENTE E GLI ANIMALI

Usando immagini satellitari correlate da mappe digitali e avvalendosi della tecnologia della Nasa, Jane Goodall sta cercando di promuovere dei progetti di conservazione della foreste africane. Anche se apparentemente minuta e fragile, la ricercatrice da tutta una vita lotta per la salvaguardia di ambiente e animali.

“Ho davvero speranza per il futuro anche se penso di aver visto più di ogni altro il male che stiamo facendo al pianeta”, ha detto all’International Union for Conservation del Naturès World Conservation Congress ad Honolulu.

jane goodall

Il nuovo progetto, portato avanti assieme a Lilian Pintea, permette di vedere attraverso delle mappe come sono cambiate le foreste dagli anni Settanta ad oggi e quanta vegetazione sia scomparsa.

LEGGI anche: 2050: LE 3 PREVISIONI CATASTROFICHE DI JANE GOODALL SI STANNO GIA’ AVVERANDO?

jane goodall4

L’attivista non si occupa direttamente della mappatura quanto di girare il mondo per far capire, soprattutto ai più giovani, quanto sia necessario fare qualcosa per il nostro Pianeta. Il suo programma iniziato nel 1991 ha, infatti, come obiettivo quello di insegnare ai bambini che bisogna aiutare gli animali e preservare l’ambiente.

“In tutto questo lavoro, svolgono un ruolo fondamentale anche i social media che utilizzati nel modo giusto possono unire le persone di tutto il mondo a sposare delle cause straordinarie”, ha detto l’etologa.

Una donna straordinaria che con le sue parole ci ricorda che tutti noi abbiamo il potere di fare la differenza.

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook