Gli insetti giganti che predano tartarughe, anatroccoli e persino serpenti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non tutti gli insetti sono piccoli, sfuggenti e poco visibili e non tutti gli insetti mangiano cibo minuscolo, alla loro portata. Alcuni, acquatici, sono talmente grandi da riuscire a mangiare tartarughe, anatroccoli e persino serpenti velenosi. L’incredibile ricerca è opera di Shin‐ya Ohba della Nagasaki University.

Come dei rapaci, o dei grandi predatori della savana, questi insetti mangiano veramente tutto quello che trovano, attendendo le potenziali prede con pazienza e furbizia. E sono in tutto il mondo, comprendendo circa 150 specie conosciute. Le più grandi, dal nome scientifico Lethocerus grandis e Lethocerus maximus, vivono in Sud America e possono superare i 10 centimetri di lunghezza.

Grandi, dunque, giganti se si pensa che sono “solo” insetti, ma non enormi in senso assoluto (sicuramente non come quelli della preistoria). Eppure queste straordinarie creature non hanno veramente paura di nulla. Attaccano le prede più impensabili, anche le tartarughe.

Insetti acquatici, ma non pesci. Respirano infatti l’ossigeno dell’aria, ma si posano sulle piante acquatiche e lo prendono facendo “snorkelling” attraverso una sorta di boccaglio posto sul dorso. In questo modo attendono pazientemente le loro prede, che attaccano non appena sono sufficientemente vicine.

insetti giganti tartarughe

Foto: Entomological Science

E la predazione è terribile: questi aggressivi insetti scuotono infatti rapidamente le zampe anteriori e afferrano la creatura con le altre. A questo punto trapassano la loro preda con una proboscide simile a un pugnale, iniettando enzimi e a volte sostanze chimiche anestetiche. A questo punto la “cottura” è pronta e il cibo può essere mangiato con tutta calma. Per le prede più grandi il pasto può durare anche diverse ore.

insetti giganti tartarughe2

Serpenti velenosi in guardia! Anche un insetto può cibarsi di voi. Davide e Golia esistono davvero.

Il lavoro è stato pubblicato su Entomological Science.

Leggi anche:

Roberta De Carolis

Foto cover

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook