Un esemplare di balenottera comune (@ WWF Francia)

Il rumore delle attività umane è devastante per capodogli, balene e delfini. Il report

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Pubblicato il report del WWF sugli effetti devastanti dell’inquinamento acustico in mare per la vita dei pesci e dei cetacei, fra le specie maggiormente a rischio di estinzione second l’IUCN. L’associazione chiede la governo italiano misure concrete per salvaguardare gli animali

Si dice essere muto come un pesce. Che i pesci siano muti o meno, non ci è dato di saperlo – ciò che è certo, tuttavia, è che il nostro rumore danneggia (e non poco) la loro esistenza in mare. È quanto emerge dal nuovo report del WWF Rumore antropico nel mare, sopportabile per l’uomo, deleterio per i cetacei, con il quale l’associazione ambientalista chiede alle istituzioni italiane misure urgenti per normare e ridurre le emissioni sonore di origine antropica nel Mar Mediterraneo.

Qual è la situazione nel Mediterraneo

L’inquinamento acustico nei mari è un’emergenza che va affrontata al più presto. I pesci, e in particolare i cetacei, sono animali profondamente sensibili ai suoni e ai rumori: sia gli odontoceti (cetacei con i denti, come capodogli e delfini) che i misticeti (muniti di fanoni, come le balene) hanno infatti sviluppato specifici adattamenti per sfruttare al meglio il suono come strumento di comunicazione, nonché di orientamento, riproduzione, predazione e percezione dell’ambiente subacqueo. L’esposizione ai rumori provocati dall’uomo ha numerosi effetti negativi sui pesci, come l’abbandono dell’habitat o la perdita dell’udito.

I cetacei sono mammiferi marini che dipendono fortemente dalla comunicazione sonora e l’inquinamento acustico derivante da traffico nautico, indagini sismiche, sonar, sfruttamento di giacimenti di olio e gas, impianti eolici offshore provoca purtroppo conseguente gravi su balene, delfini e altri mammiferi marini – si legge nel report.

Sono due le categorie di rumori dannosi per i cetacei, secondo il report. I rumori impulsivi (o a impatto), come quelli provocati dai sonar e dalle esplorazioni petrolifere e oceanografiche, sono suoni di breve durata ma ad alte frequenze, che possono ripetersi nel tempo. I rumori continui, come quelli del traffico delle imbarcazioni, sono suoni a frequenze più basse, ma di durata più lunga.

Il traffico marittimo, in particolare, rappresenta la più grave minaccia per i cetacei del Mediterraneo. Negli ultimi vent’anni è quasi raddoppiato (con un tasso di crescita del 3-4% all’anno), influenzando negativamente la comunicazione sonora fra le balene (inficiandone l’alimentazione e la riproduzione); inoltre, la collisione con le grandi navi in transito nel mare rappresenta una delle principali cause di ferimento e morte di questi grandi mammiferi: ogni anno, secondo il WWF, circa 40 grandi mammiferi marini (balenottere comuni e capodogli) rimangono uccisi a seguito delle collisioni con le navi.

(Leggi anche: Spiagge e specie a rischio: perché la Giornata del Mar Mediterraneo oggi è più importante che mai)

Cosa chiede il WWF

L’associazione ambientalista chiede alle istituzioni un impegno concreto nella salvaguardia del delicato ecosistema marino e nella riduzione dell’inquinamento acustico in mare. In particolare, chiede lo sviluppo di un piano di gestione dello spazio marittimo italiano in accordo con la Direttiva 2014/89/UE sulla Pianificazione dello Spazio Marittimo che comprenda il 30% dello spazio marino protetto in modo efficace e garantisca la riduzione degli impatti cumulativi sulle aree critiche per i cetacei e la protezione delle Aree Marine Protette all’interno del bacino mediterraneo, sviluppando adeguate misure di conservazione e promuovendo formazione e ricerca.

È ormai evidente come la conservazione dei cetacei nei mari del mondo dipenda da una serie di importanti fattori, tra cui la nostra capacità e volontà di ridurre l’inquinamento acustico, a cominciare dallo sviluppo di una normativa, oggi assente – afferma Donatella Bianchi, presidente del WWF Italia. – È inoltre quanto mai urgente e necessario che istituzioni, enti di ricerca, aziende e società civile si impegnino per implementare programmi di monitoraggio esaustivi su scala nazionale per aggiornare lo stato di conservazione delle specie di cetacei e identificare le aree critiche per i cetacei nei mari italiani.

QUI è possibile leggere il report completo.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Schär

Schär, alla scoperta di un mondo fatto di cereali e qualità

Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook