Le tribù indigene stanno usando i droni per proteggere l’Amazzonia da deforestazione e bracconaggio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I difensori indigeni delle foreste usano i droni per proteggere l’Amazzonia e il suo iconico giaguaro dai bracconieri. La tribù Uru-Eu-Wau-Wau è composta da circa 300 persone che tutelano la biodiversità che viene distrutta per l’agricoltura, l’allevamento di bestiame, il disboscamento e l’estrazione mineraria.

Insieme al rischio coronavirus, la deforestazione dilagante cancella la foresta pluviale che è una fonte necessaria per l’assorbimento di carbonio critico e la lotta alla crisi climatica. Così, sebbene la tribù mantenga il proprio stile di vita, recentemente ha iniziato a utilizzare i droni moderni per rilevare e combattere questi crimini contro la natura e gli animali.
Bitaté Uru-eu-wau-wau, 20 anni, coordinatore dell’Associazione dei popoli indigeni Uru-eu-wau-wau ha dichiarato a The Independent : “Quando uccidono un giaguaro è come se uccidessero uno di noi. Noi non li uccidiamo, noi ammiriamo la loro bellezza nell’habitat naturale”.

Il commercio illegale di animali selvatici è una minaccia in un continente che storicamente è stato privo degli sforzi di conservazione su larga scala. I giaguari erano sull’orlo dell’estinzione a metà del XX secolo dopo essere stati cacciati per le loro pelli. Nel 1975, il commercio internazionale della specie è stato vietato. Ma la minaccia non è finita. Le popolazioni sono diminuite di circa un quarto in tre generazioni e quasi il 50% dei giaguari non ci sono più.

La specie è vulnerabile alla perdita di habitat dovuta all’accelerazione della deforestazione e agli incendi provocati da accaparratori illegali di terre per espandere l’agricoltura, il disboscamento e l’estrazione mineraria.

Tagliare e bruciare la foresta pluviale è una doppia minaccia per i giaguari: entrambi distruggono il loro habitat e forniscono un accesso più facile a cacciatori di trofei, bande di trafficanti criminali e bracconieri. Per questo la tribù Uru-Eu-Wau-Wau si rivolge alla tecnologia moderna. I droni si dimostrano una soluzione significativa per il monitoraggio del terreno vasto di Brasile, Ecuador e Perù. Questa tribù vive in un territorio di oltre 1,8 milioni di ettari insieme a una serie di altre comunità indigene, comprese tre tribù incontattate. Sarebbe impossibile controllare tutto senza supporti moderni.

droni indigeni

@ Marizilda Cruppe/WWF

Il primo contatto dei Uru-Eu-Wau-Wau con il mondo esterno è iniziato tre decenni fa, uno dei nove villaggi ha una connessione Wifi, mentre altri quattro sono collegati alla rete elettrica.
I droni sono stati finanziati dai sostenitori del WWF UK , mentre il WWF-Brasile e la Kaninde Association of Ethno-Environmental Protection, un’organizzazione no-profit locale che lavora con un certo numero di comunità indigene, hanno fatto la formazione.

“L’arrivo della tecnologia, come i droni, aiuta le persone a monitorare un’area che non sapevamo fosse stata deforestata. Ha aiutato a scoprire aree depauperate. Aiuta anche ad avere la dimensione reale dell’invasione e della distruzione che viene praticata all’interno dei territori indigeni”, ha detto Bitaté.

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha indebolito la protezione ambientale e ha sposato la retorica anti-indigena, incoraggiando efficacemente taglialegna e minatori su terre protette.

I droni si sono già rivelati preziosi. A gennaio, gli Uru-Eu-Wau-Wau hanno scoperto ettari su ettari devastati. In totale, sono ben 15 i territori indigeni coperti dai droni. Adesso le immagini
potranno essere presentate in tribunale come prova di attività illegale su territori protetti.

Fonte: The Indipendent/Reuters

Leggi anche:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook