@Marizilda Cruppe/WWF

Le tribù indigene stanno usando i droni per proteggere l’Amazzonia da deforestazione e bracconaggio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I difensori indigeni delle foreste usano i droni per proteggere l’Amazzonia e il suo iconico giaguaro dai bracconieri. La tribù Uru-Eu-Wau-Wau è composta da circa 300 persone che tutelano la biodiversità che viene distrutta per l’agricoltura, l’allevamento di bestiame, il disboscamento e l’estrazione mineraria.

Insieme al rischio coronavirus, la deforestazione dilagante cancella la foresta pluviale che è una fonte necessaria per l’assorbimento di carbonio critico e la lotta alla crisi climatica. Così, sebbene la tribù mantenga il proprio stile di vita, recentemente ha iniziato a utilizzare i droni moderni per rilevare e combattere questi crimini contro la natura e gli animali.
Bitaté Uru-eu-wau-wau, 20 anni, coordinatore dell’Associazione dei popoli indigeni Uru-eu-wau-wau ha dichiarato a The Independent : “Quando uccidono un giaguaro è come se uccidessero uno di noi. Noi non li uccidiamo, noi ammiriamo la loro bellezza nell’habitat naturale”.

Il commercio illegale di animali selvatici è una minaccia in un continente che storicamente è stato privo degli sforzi di conservazione su larga scala. I giaguari erano sull’orlo dell’estinzione a metà del XX secolo dopo essere stati cacciati per le loro pelli. Nel 1975, il commercio internazionale della specie è stato vietato. Ma la minaccia non è finita. Le popolazioni sono diminuite di circa un quarto in tre generazioni e quasi il 50% dei giaguari non ci sono più.

La specie è vulnerabile alla perdita di habitat dovuta all’accelerazione della deforestazione e agli incendi provocati da accaparratori illegali di terre per espandere l’agricoltura, il disboscamento e l’estrazione mineraria.

Tagliare e bruciare la foresta pluviale è una doppia minaccia per i giaguari: entrambi distruggono il loro habitat e forniscono un accesso più facile a cacciatori di trofei, bande di trafficanti criminali e bracconieri. Per questo la tribù Uru-Eu-Wau-Wau si rivolge alla tecnologia moderna. I droni si dimostrano una soluzione significativa per il monitoraggio del terreno vasto di Brasile, Ecuador e Perù. Questa tribù vive in un territorio di oltre 1,8 milioni di ettari insieme a una serie di altre comunità indigene, comprese tre tribù incontattate. Sarebbe impossibile controllare tutto senza supporti moderni.

droni indigeni

@ Marizilda Cruppe/WWF

Il primo contatto dei Uru-Eu-Wau-Wau con il mondo esterno è iniziato tre decenni fa, uno dei nove villaggi ha una connessione Wifi, mentre altri quattro sono collegati alla rete elettrica.
I droni sono stati finanziati dai sostenitori del WWF UK , mentre il WWF-Brasile e la Kaninde Association of Ethno-Environmental Protection, un’organizzazione no-profit locale che lavora con un certo numero di comunità indigene, hanno fatto la formazione.

“L’arrivo della tecnologia, come i droni, aiuta le persone a monitorare un’area che non sapevamo fosse stata deforestata. Ha aiutato a scoprire aree depauperate. Aiuta anche ad avere la dimensione reale dell’invasione e della distruzione che viene praticata all’interno dei territori indigeni”, ha detto Bitaté.

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha indebolito la protezione ambientale e ha sposato la retorica anti-indigena, incoraggiando efficacemente taglialegna e minatori su terre protette.

I droni si sono già rivelati preziosi. A gennaio, gli Uru-Eu-Wau-Wau hanno scoperto ettari su ettari devastati. In totale, sono ben 15 i territori indigeni coperti dai droni. Adesso le immagini
potranno essere presentate in tribunale come prova di attività illegale su territori protetti.

Fonte: The Indipendent/Reuters

Leggi anche:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Incendi Sardegna 2021

Le immagini, le storie e i numeri degli incendi che stanno devastando l’isola mettono i brividi

Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook