La nuova rubrica di Matteo Viviani su GreenMe

La guerra del salmone è appena scoppiata (e ha a che fare con la pesca eccessiva)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I Paesi Bassi minacciano la guerra dei salmoni contro Norvegia, Islanda e Isole Faroe. Sostengono che i pescatori di questi Pesi nordici abbiano prelevato troppi pesci dall’Atlantico settentrionale, dove pescano anche gli olandesi. 

Così, per colpire i paesi fornitori il più duramente possibile, il governo olandese sta valutando sanzioni, compreso il blocco delle importazioni di salmone dai tre paesi, come riferisce il De Telegraaf .

Norvegia, Islanda e Isole Faroe fisserebbero sistematicamente le loro quote troppo in alto, il che causerebbe pesca eccessiva. Ciò ostacolerebbe i pescatori nei Paesi Bassi, che devono invece rispettare le rigide quote dell’UE.

Il ministro della Pesca Carola Schouten conferma che esaminerà possibili sanzioni insieme ad altre nazioni europee. Ritiene grave che i paesi stiano aumentando le quote di pesca. Pertanto, chiederà a Bruxelles uno studio sui possibili strumenti commerciali affinché questi possano essere utilizzati in modo equilibrato e mirato.

I Paesi Bassi sono il quarto maggior consumatore di salmone della Norvegia, con un’importazione totale di 62.588 tonnellate di salmone solo nei primi tre trimestri dell’anno, secondo il Norwegian Seafood Council. Il paese ha un’importante industria di trasformazione ed è anche un importante punto di transito per il trasporto di salmone all’estero tramite l’aeroporto di Schipol vicino ad Amsterdam.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook